Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO – Gli studenti chiedono la pista ciclabile

«Da Scaltenigo a Mirano in bicicletta si rischia la vita, aspettiamo ancora la pista ciclabile». Negli ultimi anni hanno alzato la voce esponenti politici e comitati, ora a protestare è perfino un gruppo di ragazzini. Sono gli studenti della sezione di Scaltenigo della scuola media «Da Vinci», che ieri hanno scritto una lettera per rimarcare un problema davvero sentito: «Manca una pista che colleghi il centro di Scaltenigo con quello di Mirano, siamo stanchi di dover raggiungere Mirano in bicicletta costeggiando la stretta e pericolosa via Scaltenigo. Confidiamo nell’intervento del sindaco, speriamo che entro il 2016 sia tutto pronto».

In realtà la questione è molto complessa e attualmente la ciclabile sembra ancora un miraggio: il progetto da 2.4 milioni di euro è regolarmente inserito nel piano di opere pubbliche del Comune di Mirano, ma dal municipio di Piazza Martiri fanno sapere che quei soldi fanno parte nel famoso finanziamento di 19 milioni promessi dalla Regione per le opere complementari al Passante, e mai arrivati. Un legale sta seguendo la vicenda, il Comune si attende almeno tre milioni nel 2015 ma la partita è tutta da giocare.

«Per progettare il passaggio pedonale davanti al supermercato di via Caltana ci è voluto un incidente gravissimo – rincara la dose l’ex consigliere Luigi Gasparini, di Scaltenigo -. Speriamo che ora le istituzioni intervengano prima che si verifichino altre disgrazie». Sul problema si è fatto sentire più volte anche il comitato Viabilità Sicura guidato da Ivana Cagnin.

(g.pip.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui