Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Ennesima denuncia del Comitato pendolari che ha inviato un nuovo dossier alla Regione

QUARTO D’ALTINO «Non è ammissibile che, con tutti i treni in ritardo, un Regionale sosti per far passare due Frecce. Nelle situazioni di emergenza le precedenze ai treni a lunga percorrenza non devono essere attuate».

I Comitati pendolari di Quarto d’Altino e del Veneto Orientale hanno inviato alla Regione un dossier per documentare la situazione di caos che si è verificata giovedì mattina sui binari della Venezia-Portogruaro. Una concomitanza di guasti che hanno causato soppressioni e ritardi fino a un’ora.

«Stando ai dati di frequentazione in possesso della Regione per i treni coinvolti, la situazione di emergenza ha creato disagi ad almeno 1.500 persone», rilevano i comitati. Al di là dei problemi di sovraffollamento e dei ritardi accumulati nel giungere al lavoro o all’università, i pendolari hanno voluto porre l’accento su due aspetti inerenti la gestione dell’emergenza.

Il primo riguarda quanto accaduto al Regionale Veloce 2206 (giunto a Venezia con 40 minuti di ritardo), che è rimasto pure fermo più di 10 minuti a Quarto per dare la precedenza a due treni ad Alta Velocità.

«Il Regionale in questione era stipato con centinaia di viaggiatori che hanno atteso oltre un’ora un treno che li portasse a destinazione per andare a lavorare o studiare, mentre le due Frecce insieme forse non raggiungevano i cento viaggiatori», scrivono i comitati, «Ancora una volta è mancato il rispetto dei viaggiatori, che si sono visti sbeffeggiati». L’altro tasto dolente riguarda la mancanza di adeguate comunicazioni all’utenza.

«Nessuna informazione è stata fornita ai viaggiatori in attesa nelle stazioni: migliaia di pendolari lasciati in balìa di loro stessi alla ricerca di informazioni irreperibili e ritardi che aumentavano sui monitor di 10 minuti in 10 minuti, senza alcun tipo di annuncio sonoro che giustificasse la situazione di emergenza», concludono i comitati nel loro dossier, «Situazioni simili non sono più tollerabili», concludono i comitati dei pendolari.

Giovanni Monforte

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui