Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Ferrovie, Rfi investe 22 milioni a Mestre

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

30

dic

2014

TRASPORTI – Estesa a San Donà la rete servita dal Sistema di comando e controllo a distanza

L’ innovazione non si vede ma, assicurano nel palazzo di via Decorati al valor civile di Mestre, si farà presto sentire sul traffico ferroviario. Ammonta a 22 milioni di euro l’investimento che Rfi, la società del gruppo Ferrovie dello Stato che cura la rete, ha fatto nel nodo di Venezia per il completamento del Sistema di comando e controllo (Scc) dei treni.

I soldi sono serviti in primo luogo ad ampliare alla tratta Mestre-San Donà di Piave (32,8 chilometri, spesa 14,5 milioni) il sistema di distanziamento dei treni e l’apparato Acei, che di fatto consente di gestire a distanza la circolazione ferroviaria e gli eventuali problemi. Un altro milione di euro è stato speso per interventi sulla tratta Venezia-Padova, già servita dal sistema Scc, e altri 6,4 milioni serviranno per ampliare la tecnologia da San Donà a Portogruaro. A regime il Nodo di Venezia avrà giurisdizione su 90 chlometri di linee e 17 stazioni.

Ma dalla sala comandi di Mestre la rete ferroviaria gestita con la tecnologia Scc è ben più ampia, dato che si estende su 387 chilometri di binari lungo le linee Mestre-Udine-Tarvisio, Mestre-San Donà, Treviso-Vicenza, Mestre-Bassano e e Mestre-Padova. Gli operatori delle cinque postazioni della “cabina di regia” di Mestre, che lavorano davanti a un grande pannello che rappresenta la rete ferroviaria di buona parte del Nordest, sono in grado di pilotare il traffico ferroviario, gestire scambi, segnali e passaggi a livello, ma anche di intervenire in caso di criticità, allertando se necessario il personale in servizio lungo l’intera rete.

Ciò che interessa ai viaggiatori, e ai pendolari in primo luogo, è che l’estensione del sistema Scc garantirà standard di qualità e puntualità maggiore, con tempi ridotti per il transito e gli incroci dei treni nelle stazioni. Un obiettivo reso possibile dai recenti interventi alla stazione di Mestre, con la riorganizzazione delle tratte lungo le linee che vi gravitano. E una risposta indiretta alle proteste che, anche di recente, hanno riguardato il Trasporto ferroviario locale a causa di ritardi e cancellazioni che hanno complicato la vita di studenti e lavoratori che ogni giorno si servono del treno. Il processo di innovazione, è scritto in una nota di Rfi, comprende «un miglior rapporto fra costi di gestione e prestazioni: miglioramento delle qualità dell’offerta di servizio, maggiore efficienza nel processo di manutenzione e maggior protezione dei beni della società contro atti vandalici e furti».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui