Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

ZERO BRANCO – «Non è più tollerabile continuare a lasciare tonnellate di materiali e di terra inquinata a poche decine di metri dalle abitazioni di via Bertoneria. Le autorità competenti devono intervenire con urgenza a tutela della salute pubblica e dell’area a vocazione agricola»: torna alla carica l’ambientalista Gino Spolaore sulla vicenda dell’ex azienda Mestrinaro a Sant’Alberto di Zero Branco.

Gli impianti della Mestrinaro Spa, poi diventata Costruzioni Generali Srl, sono fermi da circa un anno e mezzo. Dopo il fallimento dell’azienda zerotina è rimasto tutto bloccato. Ci sono enormi cumuli di rifiuti speciali che giacciono all’interno dei capannoni dismessi. Gino Spolaore parla di una vera è propria bomba ecologica.

«Parliamo di un’area dove si coltiva il famoso radicchio rosso tardivo di Treviso e l’asparago bianco, oltre a molte altre colture ortofrutticole specializzate. A rischio inquinamento sono anche le falde freatiche, considerato che tutto il territorio del Comune di Zero Branco è privo di acquedotto pubblico».

(N.D.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui