Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO «Fanno bene i sindaci di Campolongo, Camponogara, Stra e Pianiga a sostenere che, fino a quando le carte dell’Unione dei Comuni continueranno a darle il sindaco uscente Gottardo e la sua giunta, loro non vorranno averci nulla a che fare». Pesante è l’attacco di Alberto Polo, capogruppo della lista “Dolo Cuore della Riviera” e candidato sindaco del Pd, dopo che alcuni sindaci hanno espresso perplessità sulla possibile entrata nell’Unione dei Comuni della Riviera. Fra i motivi principali c’è la vicenda dei 200 mila euro di fondi regionali, legati all’inserimento nell’Unione della Protezione Civile, e non incassati per la mancata approvazione del comune di Dolo. «Del resto in questo tempo di vacche magre», prosegue Polo, «per i Comuni perdere oltre 200 mila euro di finanziamenti regionali per piccole beghe è veramente deleterio». Polo è favorevole all’Unione dei Comuni. «È un punto d’orgoglio delle buone amministrazioni che, negli anni passati, hanno accompagnato la crescita e lo sviluppo di Dolo. Oggi, soprattutto in chiave di Città metropolitana, costruire una grande Riviera diventa vitale se non vogliamo venire schiacciati da Venezia. Purtroppo la Gottardo, dopo aver fatto perdere a Dolo tutto quello che poteva, adesso si sta impegnando per smantellare l’Unione dei Comuni. Avrei voluto vedere cosa avrebbero fatto se da quel finanziamento regionale fosse dipeso il loro stipendio».

(g.pir.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui