Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CAMPOLONGO – Un museo della legalità a Campolongo Maggiore intitolato a Cristina Pavesi, la giovane morta il 13 dicembre del 1990 alle ore 18.15 a Barbariga di Vigonza, vittima della deflagrazione dell’esplosivo posto dalla banda Maniero su un treno portavalori per rubarne il contenuto.

A 24 anni esatti dalla sua scomparsa, sabato, è stato inaugurato presso la galleria del centro civico di Bojon un contenitore di opere e sculture realizzate dai ragazzi. Dopo la cerimonia di inaugurazione si è svolto un convegno per ragazzi dal titolo «Mafia e corruzione sono interconnesse?».

Come relatori c’erano Graziana Campanato, giudice d’appello nel processo a Felice Maniero e che ne confiscò i beni ora di proprietà del Comune. Con lei Roberto Tommasi, referente di Libera Veneto ed Enzo Guidotto presidente dell’osservatorio Veneto sull’antimafia.

Il sindaco, Alessandro Campalto, ha dichiarato: «A Campolongo siamo riusciti a rendere concreto questo museo grazie al grande lavoro delle associazioni Auser e Mondo insieme allo scultore Lucio Zatti».

Molto soddisfatti anche Bruino Miotto di Auser e Oriana Boldrin di Mondo di carta. Le opere esposte sono quelle dei ragazzi che hanno partecipato, con le loro opere, al concorso dedicato a Cristina Pavesi e giunto alla 7. edizione. All’inaugurazione erano presenti numerosi ragazzi di Campolongo, ma anche di scuole di Venezia.

Emanuele Compagno

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui