Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

LAVORO – Il bilancio di Apindustria su Miranese e Riviera dal 2008 ad oggi

Il direttore Roccato: «A causa della pressione fiscale e della scarsa politica del credito»

«Anche in Riviera e nel Miranese la crisi non conosce tregua. Abbiamo grandi potenzialità, ma servono riforme per incentivare il lavoro. Non c’è più tempo da perdere». Lo sostiene Apindustria Venezia diffondendo i dati di uno studio che riguarda sei Comuni: Mirano, Spinea, Santa Maria di Sala, Pianiga, Dolo e Mira.

Dalla ricerca esce una fotografia davvero preoccupante: dal 2008 ad oggi sono stati persi circa 1.700 posti di lavoro e sono state chiuse 200 piccole o medie imprese. Numeri negativi anche per quanto riguarda la produzione (-20 percento) e il fatturato (-25 percento). L’unico segno positivo è quello dell’export: negli ultimi due anni è salito del 3 per cento.

Lo spaccato è chiaro: soffre principalmente chi lavora per il mercato interno, riesce invece a tener botta o addirittura a crescere chi guarda soprattutto all’estero.

L’indagine è stata presentata dal direttore di Apindustria Venezia Pier Orlando Roccato e dall’ex presidente della Commissione lavoro della Provincia, Roberto Dal Cin. È stata analizzata la situazione delle imprese dei settori meccanico, manifatturiero, gomma plastico, chimico ed edile.

«Le politiche messe in atto da parte del Governo attuale e dei precedenti non sono state efficaci – commenta Roccato -. Il Job act’s tanto decantato non prevede alcun piano di rilancio per le nostre imprese. Non si stanno liberando risorse per sviluppare l’industria, non si intravvedono l’abbassamento della pressione fiscale e una politica del credito atta ad agevolare gli investimenti».

Roccato prova a lanciare un messaggio di ottimismo: «In tempi brevissimi dobbiamo attivare riforme per incentivare il lavoro. Siamo ancora in tempo per rialzarci e ripartire».

Dal Cin approfondisce: «La crisi si fa sentire, ma le imprese sono subissate anche da un fisco ed una burocrazia che non dà tregua. Chiediamo a viva voce – conclude – una concreta politica del credito finalizzata ad investire su sviluppo e ricerca aiutando le imprese a crescere».

Un anno fa un’altra ricerca diffusa invece da Confcommercio evidenziò che nei sette Comuni del Miranese tra il 2008 e il 2013 il calo di fatturato delle attività si attestava mediamente oltre il 15% e colpiva soprattutto macellerie, tabaccherie, cartolerie, negozi di ferramenta, bar e ristoranti.

Gabriele Pipia

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui