Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Oriago. Ha chiuso una storica attivita’.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

gen

2015

Piccolo commercio in crisi anche la “Tosca” si arrende

Il negozio di ortofrutticoli aveva alle spalle 52 anni di impegno

MIRA – Dopo cinquantadue anni di attività, ha chiuso i battenti a inizio 2015 il negozio di frutta e verdura “Dalla Tosca”, storica e conosciutissima attività commerciale collocata in prossimità della chiesa Santa Maria Maddalena in pieno centro a Oriago.

I proprietari hanno voluto salutare i propri affezionati clienti, ringraziandoli per la lunga fedeltà, con un cartello affisso sulla porta d’entrata. La notizia della chiusura ha fatto ben presto il giro del paese e si è subito diffusa anche nei principali social network.

Sono stati molti i cittadini che hanno voluto raccontare episodi, soprattutto della propria giovinezza, collegati a questo storico negozio, dando vita a una sorta di amarcord virtuale. Da chi ha ricordato con nostalgia la “Tosca” come luogo privilegiato per l’acquisto delle caramelle e dei dolcetti all’uscita dalla scuola delle suore, a chi ne ha sottolineato l’importanza negli anni della crescita economica del paese.

Non è mancato anche chi ha voluto lanciare un allarme inerente l’attualità: «Al di là delle motivazioni che hanno spinto la “Tosca” a chiudere, non è incoraggiante vedere che un numero sempre maggiore di piccoli negozi chiude i battenti, basta pensare alla gloriosa attività dei Morelli a Dolo, che chiude dopo più di un secolo».

E qualcuno puntualizza: «I grandi centri commerciali stanno decretando la fine della piccola imprenditoria. Occorrerebbe che i cittadini delle frazioni riscoprissero il chiosco sotto casa, altrimenti l’economia dei piccoli centri è destinata a soffocare».

Andrea Penso

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui