Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Appello anti-Ogm dei M5s a Zaia

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

gen

2015

Benedetti: «La discrezionalità è pericolosa, la Regione intervenga»

VENEZIA «C’è il pericolo che in Italia si cominci a seminare mais Ogm, approfittando del vuoto normativo che a breve si creerà. Per scongiurare questo rischio ho chiesto a Renzi di prorogare il decreto interministeriale in scadenza, che vieta la semina in territorio italiano, ma nella situazione di incertezza attuale credo sia meglio proteggersi anche provvedendo con una iniziativa regionale. Per questo chiedo a Zaia di approvare in velocità una norma che liberi la nostra regione dagli OGM. Tra l’altro oggi è convocata la conferenza regioni e provincie autonome che prevede tra gli argomenti in discussione anche gli OGM. Quale migliore occasione?»

Lo dichiara la deputata 5 Stelle del Veneto Silvia Benedetti prima firmataria di una Risoluzione presentata sull’argomento alla Camera dei deputati.

«Considerando che la revisione della direttiva 2001/18/CE su l’emissione di OGM deve ancora essere approvata da parte del Consiglio europeo – prosegue Benedetti – e poi dovrà essere recepita dal parlamento italiano, si prevedono tempi lunghi. Il timore è che in questo lasso di tempo qualcuno approfitti della vacatio legis per seminare impunemente OGM. Solo la proroga del decreto interministeriale oppure una norma regionale possono salvarci dalla coltivazione di sementi di questo tipo, per questo chiedo al presidente Zaia e all’assessore Manzato di attivarsi, approfittando anche della conferenza di domani. Non c’è tempo da perdere. Tra l’altro con la decadenza del decreto verranno meno anche le sanzioni introdotte con il decreto legge 91/2014».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui