Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

marcon. critiche del sindaco

MARCON – Un po’ alla volta, gli automobilisti si stanno abituando alle nuove strade attorno alla svincolo della tangenziale di Mestre, in zona Marcon. L’inaugurazione di martedì pomeriggio ha fatto respirare la zona ma in Comune sanno che così non si potrà andare avanti per molto, senza la possibilità di entrare e uscire dalla stessa tangenziale, con una rampa aperta sulle quattro totali. Il sindaco Andrea Follini non nasconde la propria insoddisfazione e confida che presto di perfezionare la convenzione tra Anas, Autovie Venete e l’ex Provincia per avere tutta la viabilità percorribile.

«È stata un’inaugurazione amara», osserva, «perché aver aperto al traffico via della Costituzione e non le altre tre rampe di accesso e uscita dalla tangenziale, è come avere davanti un’opera monca. E fa ancor più rabbia sapere che è conclusa e vedere inutilizzabili i nodi più importanti: quegli svincoli da e verso la tangenziale libererebbero i cittadini dal dover percorrere un tragitto più lungo».

Ma non si ancora quando si potrà dare il via libera al traffico; i cittadini chiedono, fanno pressioni, si domandano il perché di tanta burocrazia e pongono degli interrogativi che, al momento, non trovano risposta. Ci sono, però dei dati di fatto come spiega lo stesso sindaco.

«In questi mesi abbiamo fatto pressioni agli enti interessati», fa sapere, «ma nonostante si dichiarino disponibili a risolvere la questione in tempi rapidi, sono loro a dover fare delle scelte definitive sui quei tratti di strada. Siamo davanti al fallimento della pubblica amministrazione, anche se, in questo momento, mi sento di ringraziare tutte le aziende che si sono impegnate, da gennaio di un anno fa, perché gli interventi fossero pronti nei tempi previsti».

Alessandro Ragazzo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui