Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO «Il commissariamento certifica il fallimento della Gottardo». Questo pensa Alberto Polo, candidato sindaco del Pd, dopo la nomina di due commissari “ad acta” per l’approvazione del Pati (piano assetto territoriale intercomunale).

«Se un’amministrazione comunale», prosegue Polo, «deve essere commissariata perché non è in grado di proporre ai cittadini un’idea complessiva di sviluppo del proprio comune significa che ha fallito su tutta la linea. Non stiamo parlando di un singolo provvedimento, ma di tutto l’impianto che contiene anche una visione politica, sul quale dovrebbe poggiare il futuro di Dolo».

Polo difende l’operato delle opposizioni. «Secondo la Gottardo», precisa, «dovremmo essere noi dell’opposizione a votare un documento che non condividiamo? La minoranza ha sempre coerentemente denunciato che il piano urbanistico preconfezionato dalla Gottardo violenta il territorio dolese, cementificando le campagne, ampliando Veneto City, non dicendo nulla sulla Romea Commerciale e sulla valorizzazione del centro storico». Infine annuncia le prossime mosse.

«Ai commissari presenteremo un dossier tecnico, mai considerato dal sindaco e dal suo assessore. Abbiamo le idee chiare su come rilanciare il nostro paese, a partire da una diversa programmazione urbanistica del territorio all’insegna della qualità, dello sviluppo economico, del rispetto dell’ambiente e della salute dei cittadini».

Giacomo Piran

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui