Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

BOJON «È ora di finirla. La Circonvallazione di Bojon è pronta, è un’ opera in grado di alleviare il traffico dal centro, ma è ferma tre anni per 500 metri di strada mancanti. È un’opera da oltre 8 milioni di euro bloccata. Chiediamo che ora Regione e Sistemi Territoriali, cui è stato affidato il nuovo intervento, si sbrighino: è dal 2004 che il paese attende la strada».

A denunciare la situazione dopo che nei mesi il sindaco di Campolongo, Alessandro Campalto, con Marino Zamboni a nome dei residenti che stasera alle 20,30 organizza una assemblea pubblica nella sala esterna del patronato del paese.

«Ancora nel 2005 Regione, Provincia e Comune», ricorda Zamboni, «avevano firmato per la costruzione del sottopasso ferroviario a Bojon. L’intervento costava 7 milioni 230 mila euro (ora 8 milioni). Sono passati 10 anni, ma l’opera sembra infinita. La strada è completata, fatta eccezione per la pista ciclabile. Il cantiere è chiuso da tre anni per 500 metri mancanti. Ci era stato promesso che i lavori ripartivano con un nuovo bando tutto è ancora fermo. Ora siamo pronti a scendere in strada con cortei di protesta».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui