Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

NO ALL’INGRESSO

CAMPOLONGO –  Il Comune di Campolongo Maggiore ha chiesto di entrare nell’Unione “Città della Riviera del Brenta”, ma avrebbe ricevuto dall’organismo un secco “no”.

Ad inizio anno il sindaco Alessandro Campalto aveva annunciato l’intenzione di entrare nell’Unione. Nonostante le minoranze avessero espresso qualche riserva, la mozione che impegnava «il sindaco e la Giunta a intraprendere un percorso che conducesse all’accorpamento di Campolongo Maggiore con altri Comuni limitrofi» era passata con 10 voti favorevoli, ossia di tutti i presenti in aula.

La motivazione del rigetto della candidatura – “questione logistica” – non è chiara. Negli ambienti politici si vocifera che a non volere Campolongo Maggiore in Unione sarebbero alcuni componenti della maggioranza del sindaco di Dolo, in contrasto con lo stesso.

L’Unione dei Comuni “Città della Riviera del Brenta” è stata fondata nel 2001; attualmente ne fanno parte Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò e Campagna Lupia, con una popolazione di circa 36mila abitanti. Anche Stra e Vigonovo, avrebbero avanzato l’intenzione di aderire.

(V.Com)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui