Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mira. Fermi i lavori della passerella.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

15

feb

2015

MIRA – Rilevati forti ritardi nella costruzione del passaggio ciclopedonale a Porto Menai

Tre mesi di ritardo nei lavori per la realizzazione della passerella a Porto Menai e gli ostacoli al completamento sono ancora tanti. A rivelarlo sono Guerrino Palmarini e Renato Martin, gli ormai ex consiglieri provinciali di Mira, che chiedono con forza la convocazione della commissione Lavori Pubblici per sciogliere i nodi della passerella. L’appalto e l’affidamento dei lavori per la realizzazione del “Percorso ciclopedonale lungo l’argine del Novissimo comprensivo della passerella di Porto Menai” collegato al Naviglio Brenta, che la popolazione di Porto Menai chiede da anni, risale ormai da un anno fa. L’opera è finanziata in parte dalla Provincia con fondi propri per circa 253mila euro e in parte con la partecipazione della Provincia al bando Gal Antico Dogado con fondi europei, all’interno di un programma di sviluppo rurale. Con la decandenza del consiglio e della giunta provinciale, responsabile della passerella, l’attenzione sull’andamento dei lavori è scemata.

«Purtroppo – denunciano Palmarini e Martin – parlando,con un funzionario della Provincia, abbiamo appreso che la realizzazione del manufatto prosegue con difficoltà. Devono ancora essere completate le rampe, i motori, l’impianto elettrico e la segnaletica. In pratica un ritardo di 3 mesi, con relativa penale.

Quello che più preoccupa però – spiegano i due ex consiglieri provinciali – «è il parere negativo del Genio Civile sull’uso dell’argine che comporta la ricerca di una soluzione con attraversamenti in sicurezza sia verso Mira che verso Piazza Vecchia». Secondo Martin e Palmarini c’è il rischio che i lavori si arenino. «Per questo motivo – spiegano – chiediamo un maggiore interessamento e un coordinamento della situazione da parte dell’amministrazione di Mira attraverso una commissione consigliare ad hoc».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui