Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Per le grandi navi restano i limiti”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

18

feb

2015

Il ministro Galletti: c’è un accordo verbale con le compagnie di navigazione

VENEZIA «Rispetto all’annullamento del Tar dell’ordinanza della Capitaneria di porto: nulla è cambiato per il 2015 rimarranno tutte le limitazioni». Così, ieri, il ministro per l’Ambiente, Gian Luca Galletti, a un forum organizzato dall’Ansa a Roma. Il riferimento non è a nuovi provvedimenti, ma all’accordo già raggiunto con le compagnie di crociera, che hanno pianificato gli arrivi per il 2015 quand’era operativa l’ordinanza della Capitaneria di porto (annullata dai giudici a dicembre) che per quest’anno aveva previsto un limite massimo di 96 mila tonnellate di stazza alle navi in transito davanti al bacino San Marco.

Per il 2015, conferma Galletti, il limite sarà mantenuto volontariamente dalle compagnie, tanto che il ministero non impugnerà al Consiglio di Stato la sentenza con la quale i giudici del Tar hanno ricordato che il decreto interministeriale Clini-Passera del 2012 subordinava lo stop alle grandi navi, alla realizzazione di una nuova via d’accesso alla Marittima.

«Penso tra l’altro che noi ritireremo da qui a breve quel provvedimento, naturalmente considerando le osservazioni fatte dal Tar», ha chiosato infatti il ministro, tornando al dibattito che tanto accende gli animi. «Nel lungo termine», ha concluso Galletti, «il problema è trovare a Venezia un percorso che non comporti il passaggio delle grandi navi a Piazza San Marco. Sono state presentate delle proposte dal mio ministero e l’unica sottoposta a Via, perché ancora in fase progettuale, è quella dello scavo del canale Contorta. La Commissione Via ha chiesto un’integrazione di documentazione ai presentatori. Nel frattempo si stanno valutando altre proposte sottoposte a una procedura di pre-Via e che in termini tecnici si chiama “Scoping”».

Si tratta del progetto De Piccoli per banchine alla bocca di porto del Lido; la versione light con banchine galleggianti presenta da Boato, del progetto D’Agostino per banchine a Marghera.

(r.d.r)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui