Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Eraclea. Valle Ossi resta un punto di domanda.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

feb

2015

ERACLEA – Nulla di fatto nell’incontro tra amministrazione comunale e Numeria

ERACLEA – Nulla di fatto nell’incontro tra amministrazione comunale e Numeria, società proprietaria di Valle Ossi. Le notizie allarmanti che giungono da Veneto Banca, principale banca finanziatrice della società che dovrebbe investire quasi 500milioni di euro per realizzare il terremare da sogno sui 260 ettari alla spalle della laguna del Mort, aumentano le preoccupazioni degli amministratori di Eraclea.

«Dopo la richiesta di sospensione della procedura di Via del settembre 2013 – ricorda l’assessore al Demanio, Stefano Stefanetto – come Amministrazione eravamo in attesa, stando dagli stessi impegni presi dalla Numeria, della presentazione di un nuovo progetto che superasse definitivamente la criticità sollevate nelle “osservazioni” dei diversi enti. Non c’è, infatti, più alcuna preclusione all’intervento, anche le associazioni ambientaliste si sono poste positivamente a fronte delle misure di mitigazione e compensazione ambientale concordate. Ora queste notizie sull’ispezione della Banca d’Italia a Veneto Banca, rispetto a presunti finanziamenti di favore assegnati, senza le dovute garanzie, acuiscono le nostre preoccupazioni».

«Per l’acquisto del terreno Zanon – continua Stefanetto – dove dovrebbe essere costruito il campo da golf, i soldi alla Numeria sono arrivati da Veneto Banca, due realtà quindi contigue che potrebbero seguire la stessa sorte». Comunque dietro non c’è solo Veneto Banca e, vista la cospicua Imu regolarmente pagata, potrebbe essere un’attesa in funzione della crisi economica. «In effetti – ammette Strefanetto – non tutti i segnali sono negativi, anche se la preoccupazione resta tanta».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui