Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

«Di questi tempi visitare Villa Pisani, una delle mète turistiche più ambite della Riviera del Brenta e del Veneto, è diventato un incubo».

Ad evidenziarlo Massimo Camporese, portavoce dell’associazione ambientalista padovana “Anima critica”. A sorprendere Camporese i diversi e gravi problemi che affliggono il Palazzo decorato all’interno dai più celebri artisti del ’700 veneto.

«Si ricordi – ammonisce Camporese – che Alvise Pisani, ambasciatore di Venezia a Parigi ai tempi di Luigi XIV e dei fulgori della reggia di Versailles, incaricò nel 1735 l’architetto Francesco Maria Preti di riprogettare il corpo principale della Villa di Stra. Ora – prosegue Camporese – la salute architettonica di questo grande ed inestimabile tesoro versa in una gravissima situazione. Sono state collocate recinzioni improvvisate perchè un cornicione si è sbriciolato ed i pezzi sono e caduti a terra. Altri punti ugualmente recintati per insidiose crepe alle pareti. Si staccano malte, stucchi, intonaci, cornicioni sia nell’edificio principale che nelle mura del perimetro esterno che delimita il parco e l’intera area».

Camporese prosegue puntando il dito sulla desolazione: «Nei cortili interni la situazione di degrado non cambia di certo, anzi i pavimenti ed i portoni sono ricoperte da strati di guano e solitamente gli escrementi dei piccioni sono responsabili di danni da corrosione alle strutture, provocando ulteriore degrado. Anche se il pericolo più grave è dovuto al fatto che il guano porta con sè agenti patogeni e parassiti, veicoli di trasmissione di malattie infettive come la salmonellosi, la toxoplasmosi e la tubercolosi».

Un quadro, quindi, di estrema pericolosità igienica. «La contaminazione fecale e la dispersione del guano è causa di danni talvolta irreparabili e di diffusione di malattie infettive».

Accorato l’appello finale del portavoce dell’associazione “Anima critica”: «È necessario intervenire quanto prima per salvare dall’abbandono e degrado di villa Pisani».

Lino Perini

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui