Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Asl 13. “All’ospedale come in hotel”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

4

mar

2015

ASL 13 – Il direttore Gumirato vuole investire anche sul fronte dell’ospitalità

Steward in Pronto soccorso e wi-fi «perché i malati si sentano a casa»

In ospedale come in albergo: all’Asl 13 l’obiettivo è rendere confortevole la permanenza del paziente. «La buona sanità – sostiene il direttore generale Gino Gumirato – è fatta da tre cose: validi professionisti, comfort e alta tecnologia». È infatti su questa linea che la direzione dell’Azienda sanitaria di Dolo e Mirano si sta orientando, partendo dall’introduzione degli steward nei Pronto soccorso di Dolo e Mirano fino al più recente sistema wi-fi nei reparti per permettere ai pazienti l’uso, dove possibile, di smartphone e tablet.

«Molte delle strutture ospedaliere di Dolo e Mirano sono vecchie e obsolete – spiega Gumirato – ci stiamo lavorando attraverso un corposo programma di investimenti da 28 milioni di euro che ha come punto fondante la sicurezza e l’efficienza delle strutture, ma si tratta di tempi più lunghi. Stiamo investendo nelle dotazioni tecnologiche e nella professionalità ma il nostro obiettivo è di garantire una sempre maggiore attenzione al pazienti. Il malato entra in ospedale in un particolare momento di fragilità – sottolinea il direttore generale – sradicato dagli affetti familiari ma anche da casa. Vorremmo che in ospedale potesse trovare un ambiente il più possibile confortevole, dove possa sentirsi, nonostante le condizioni, rassicurato da persone che si prendano cura di lui, non solo della sua malattia».

Da qui la presenza degli steward nei Pronto soccorso di Dolo e Mirano. Si tratta di personale adeguatamente formato per fornire tutta l’assistenza necessaria a un paziente o ai famigliari in attesa: informazioni sui tempi d’attesa, sui motivi dellas stessa attesa, sulle condizioni della persona che si trova in trattamento.

Il wi-fi è stato introdotto qualche mese fa sempre in Pronto soccorso ma anche nei reparti di degenza, dove è concesso l’uso del telefonino, per poter utilizzare smartphone, pc e tablet e «far sentire il malato il più possibile a suo agio».

Luisa Giantin

 

ASL 13 / GLI INTERVENTI

DOLO – L’Asl 13 punta sull’alta tecnologia e investe 1 milione e 800mila euro in nuove apparecchiature per gli ospedali di Dolo e Mirano a garanzia della sicurezza dei pazienti. Nuove ambulanze, ecografi e defibrillatori di ultima generazione sono alcune delle tecnologie sanitarie che sostituiranno i vecchi apparecchi.

«Stiamo lavorando per garantire la sicurezza dei cittadini – ha spiegato il direttore generale dell’Asl 13 Gino Gumirato – per questo è fondamentale stare al passo con i tempi nelle tecnologie e nelle apparecchiature che andremo ad acquistare».

L’acquisto più corposo, circa 415 mila euro, ha riguardato la sostituzione di quattro ambulanze (tra Dolo e Mirano ce ne sono quattordici): due sono state già acquistate nel 2014 e altre due sono previste per quest’anno. Oltre all’ambulanza in sé infatti l’acquisto è comprensivo dell’allestimento con attrezzature per la rianimazione avanzata e defibrillatori capaci di trasmettere il tracciato dal luogo dell’evento all’Unità coronarica (dotazione presente nell’Ulss 13 dal 2010), consentendo così una migliore gestione del paziente critico.

L’aggiornamento tecnologico della Rianimazione di Mirano grazie alla sostituzione di dodici letti elettrici è costato circa 210mila euro mentre per le Ostetricie di Mirano e di Dolo sono stati acquistati due nuovi ecografi di alta tecnologia, per l’attività diagnostica e clinica, per 160mila euro.

Sarano destinati invece ai Pronto soccorso, alla Geriatria e alla Dialisi i sette nuovi sollevatori automatici (7 mila euro l’uno) per la movimentazione dei pazienti, in grado di sorreggere fino a 205 chili, mentre prossimamente ne arriveranno altri tre capaci di sollevare i 300 chili.

Nella lista delle nuove apparecchiature acquistate dall’Asl 13 quest’anno ci sono anche sette nuovi defibrillatori, del costo di 5 mila euro l’uno, un apparecchio portatile per Radioscopia da utilizzare in Chirurgia e Ortopedia per il blocco operatorio di Dolo, costato 110mila euro, e infine due nuove “stazioni” per Anestesia nei blocchi operatori di Mirano, per una spesa di circa 100mila euro.

(l.gia)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui