Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Spinea. Strada pronta, ma resta chiusa.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

5

mar

2015

SPINEA – Residenti esasperati. Nuovo Centrodestra: situazione allucinante

Il Comune: «Mancano solo gli ultimi dettagli, a fine mese contiamo di aprirla»

I cittadini vedono quella strada pronta da un anno e sono sempre più impazienti. L’asfalto e la segnaletica sono nuovi di zecca e ogni notte si accende la fila di lampioni. Ma la bretella sud, che collega via Capitanio e via Martiri, continua a restare chiusa.

A sollevare di nuovo la questione è il Nuovo Centrodestra (Area Popolare) di Spinea che si fa portavoce delle proteste. «Troviamo allucinante questa situazione che si sta trascinando da più di un anno – si legge in una nota di Ap Ncd -. Questa strada era nata con una funzione ben precisa: decongestionare il traffico di via Roma. Veneto Strade la considera ultimata e chiediamo all’amministrazione di adoperarsi per riceverla in dotazione. Anche perché è assurdo che continui a restare deserta ma illuminata dalla sera alla mattina, con consumi non indifferenti».

Il primo chiarimento dell’amministrazione è proprio sui consumi: l’illuminazione, infatti, è del cantiere e non rappresenta un costo per i cittadini.

«Se non è stata ancora aperta – spiega l’assessore Gianpier Chinellato – è perché abbiamo chiesto a Veneto Strade alcuni accorgimenti per la sicurezza».

Insomma, da dicembre 2013, quella che ai cittadini sembrava una strada pronta in realtà è ancora un cantiere.

«Abbiamo chiesto il collegamento ciclopedonale della rotonda di via Capitanio perché i residenti, a piedi o in bici, avrebbero dovuto attraversarla» – aggiunge Chinellato. Veneto Strade quindi si è attivato per fare gli espropri e proseguire con i lavori.

«Ora mancano le finiture e il collaudo – conclude Chinellato – Ma per questo intervento si attendevano temperature più alte, dovrebbe essere ormai questione di giorni. Poi saranno aggiunti i cartelli per il passaggio ciclopedonale e infine prenderemo in consegna la strada».

Prima di togliere le barriere, ultimi ritocchi: quelli decisi con i cittadini per mettere in sicurezza via Capitanio e dirottare parte del traffico verso il Villaggio dei Fiori e via Pastrengo. «Entro una ventina di giorni dovrebbero consegnarci l’arteria – ripete Chinellato – e per fine marzo speriamo di aprirla».

Melody Fusaro

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui