Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Via libera alla Citta’ metropolitana

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

mar

2015

La Regione “sconfitta”: bocciato il ricorso dalla Corte Costituzionale

VENEZIA – La Corte Costituzionale ha bocciato i ricorsi della Regione Veneto, Lombardia, Campania e Puglia contro la legge Delrio del 7 aprile 2014 sulle disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni, dichiarando non fondate le questioni di costituzionalità.

Il Veneto, così come le altre regioni, avevano impugnato la legge n. 56 su una serie di questioni. Tra queste, la disciplina delle città metropolitane, la ridefinizione dei confini territoriali e del quadro delle competenze delle Province, «in attesa della riforma del titolo V, parte seconda, della Costituzione», il procedimento di riallocazione delle funzioni «non fondamentali» delle Province, la disciplina delle unioni e fusioni dei Comuni.

I giudici evidenziano come non sia fondata, innanzitutto, «la preliminare questione di competenza sollevata dai ricorrenti» sul presupposto che la istituzione delle città metropolitane sia di competenza regionale esclusiva.

«Se esatta fosse una tale tesi», scrivono, «si dovrebbe pervenire, per assurdo, alla conclusione che la singola Regione sarebbe legittimata a fare ciò che lo Stato «non potrebbe fare» in un campo che non può verosimilmente considerarsi di competenza esclusiva regionale, quale, appunto, quello che attiene alla costituzione della Città metropolitana, che è ente di rilevanza nazionale ed anche sovranazionale ai fini dell’accesso a specifici fondi comunitari».

D’altro canto, osserva la Corte Costituzionale, le Città metropolitane, istituite dalla legge n. 56 del 2014, sono destinate a subentrare integralmente alle omonime Province esistenti, la cui istituzione è di competenza statale.

Quanto alla figura del sindaco metropolitano, dicono i giudici costituzionali, «per un verso, la sua individuazione nel sindaco del Comune capoluogo di Provincia non è irragionevole in fase di prima attuazione del nuovo ente territoriale, attesi il particolare ruolo e l’importanza del Comune capoluogo intorno a cui si aggrega la Città metropolitana, e non è, comunque, irreversibile, restando demandato allo statuto di detta città di optare per l’elezione diretta del proprio sindaco».

Un altro secondo gruppo di disposizioni denunciate dalle quattro Regioni ricorrenti attiene al nuovo modello ordinamentale delle Province. Ma anche le censure rivolte al riordino delle Province, secondo i giudici Costituzionali, sono non fondate.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui