Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Mestre – Orte a pericolo mafia”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

mar

2015

Donadel (Opzione Zero) chiede che sia bloccato l’iter della Romea commerciale

DOLO « Fermate la Mestre – Orte. Un funzionario della commissione di Valutazione ambientale (Via) che ha dato il via libera all’opera è in odor di mafia».

A fare questa accusa chiedendo ai sindaci e alle istituzioni una mobilitazione contro quello che viene definito un mostro che distruggerà il territorio è Mattia Donadel presidente del Comitato Opzione Zero.

«Sull’Autostrada Orte-Mestre, la cosiddetta Romea commerciale», spiega Donadel, «c’è l’ombra del malaffare e della malavita: ci sono anche forti sospetti di infiltrazione criminale e massonica nella commissione Via nazionale che ha dato semaforo verde al progetto nel 2010».

Donadel va nel dettaglio. Il caso emerge da un’interrogazione depositata dalla parlamentare grillina Federica Daga.

«Da quanto emerge dall’interrogazione», dice Donadel, «il nome di Vincenzo Ruggero, commercialista e membro della Commissione Via nazionale, compare nella relazione della Prefettura di Reggio Calabria con la quale chiedeva lo scioglimento del Comune di Gioia Tauro nel 2008 per infiltrazioni mafiose: di lui si parla come di un individuo fortemente sospettato di essere asservito alla cosca Piromalli. Ruggero non fu condannato, ma un’informativa legava il suo nome anche ai clan Pesce e Bellocco di Rosarno. Ebbene, Ruggero è tra i firmatari del Parere n. 558 del 2010 con il quale la commissione Via nazionale dà parere favorevole alla Orte-Mestre».

Ma non è tutto. «Dall’interrogazione», continua Donadel, «emerge come attualmente siede nella stessa commissione anche un ingegnere ottantacinquenne ex affiliato alla P2 con tessera 956. Ciò si aggiunge all’arresto di Ercole Incalza, il super dirigente che ha seguito e agevolato in tutti i modi l’iter della Orte-Mestre. A fronte di questo quadro gravissimo chiediamo a Parlamento, governo e Regioni di sospendere l’iter di approvazione della nuova autostrada».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui