Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

A Cernobbio il ministro dei Beni Culturali Franceschini boccia l’idea. E pensa a una city tax per contingentare i flussi

«A Venezia si parla di ticket d’ingresso. Mi pare difficile pensarlo per una città. Forse bisogna fare cose diverse. In Italia i centri storici delle grandi città d’arte, come Firenze, Roma e Venezia, hanno problemi di sovraffollamento, mentre ci sono zone come il Sud che non hanno turismo internazionale. Il lavoro che dobbiamo fare per il paese è fare in modo che il turismo si sposti».

Lo ha detto ieri il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini – intervenendo al Forum della Confcommercio di Cernobbio – e bocciando una volta di più l’idea di un biglietto d’ingresso a Venezia, per limitarne i flussi turistici, di difficilissima applicazione, pratica e normativa. La soluzione a cui pensa piuttosto il ministro è quella già proposta nell’ottobre scorso, quando calò in laguna per un convegno internazionale organizzato dalla Fondazione Musei Civici.

«Per Venezia e per affrontare il problema dei flussi turistici in aumento, legati soprattutto al “mordi e fuggi” – disse allora Franceschini, che non ha, evidentemente, cambiato idea – stiamo pensando all’introduzione di una city-tax che sostituisca l’attuale imposta di soggiorno e non si applichi solo, come oggi, ai clienti degli alberghi ma a tutti i turisti che la visitano. Sulle modalità di questa city tax si può certamente discutere. Venezia deve vivere come città e contemporaneamente diventare meta di un turismo sostenibile. Penso che le potenzialità, come è chiaro, siano infinite, ma non abbiamo bisogno di un turismo mordi e fuggi, di gruppi che vengono presi e portati giù a Piazzale Roma, condotti lungo lo stesso percorso a Rialto e San Marco, vedendo solo un pezzo del centro storico, e poi riportati via senza aver consumato niente in città e lasciato ricchezza».

Il punto è che dall’ottobre scorso – con l’Expo di Milano e i conseguenti flussi turistici aggiuntivi ormai alle porte – passi avanti da questo punto di vista non se ne sono fatti. Il tavolo di confronto che doveva essere attivato anche con i due sottosegretari veneziani all’Economia Pier Paolo Baretta e Enrico Zanetti e il sottosegretario ai Beni Culturali Ilaria Borletti Buitoni per iniziare a elaborare una proposta, è rimasto solo sulla carta, anche perché il vero impulso doveva arrivare dal Comune di Venezia e in particolare dal commissario straordinario Vittorio Zappalorto. Se ne riparlerà, evidentemente, con il nuovo sindaco – visto che la proposta, oltre che affrontare i problemi di sovraffollamento, dovrebbe servire anche a portare nuove risorse a un Comune che ne ha un disperato bisogno. Intanto Venezia vivrà un’altra lunga estate calda sul piano dei flussi turistici ancora senza controllo.

Enrico Tantucci

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui