Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova OSSERVAZIONE Al Ministero

VENEZIA – Nei giorni scorsi, Italia Nostra, con l’Eco Istituto del Veneto Alex Langer, ha presentato al Ministero per l’Ambiente una osservazione alle integrazioni del progetto Contorta. Le integrazioni erano state trasmesse allo stesso Ministero da parte dei proponenti l’opera a seguito di richiesta da parte della Commissione di Valutazione d’impatto ambientale, che sta esaminando il progetto.

«Nella nostra nuova osservazione», rende noto la sezione veneziana di Italia Nostra, «ci siamo occupati nuovamente degli aspetti ambientali e in particolare del problema gravissimo del rischio di anossie, già contestato con una nostra precedente osservazione al progetto».

Le integrazioni in proposito sostengono che l’area compresa tra il Ponte della Libertà e il canale progettato «non sarà influenzata dal canale rimanendo parte del bacino del Lido e alimentata attraverso il canale della Giudecca».

Italia Nostra e l’Eco Istituto sostengono invece che la zona subirà pesantissime ripercussioni. «Infatti, per tentare di contenere l’erosione che con la navigazione nel nuovo canale aumenterà – scrivono – è stata proposta la creazione, a margine del canale stesso, di finte “velme”, in realtà vere e proprie arginature. Per escavare il canale e arginarlo con le “velme” artificiali si distruggerebbero 196 ettari di habitat prioritario. Ma non solo: le “velme” creerebbero una barriera che segregherebbe un’area della Laguna compresa tra gli argini stessi, l’area industriale di Marghera, il ponte translagunare e Venezia: la zona andrà incontro a ricorrenti distrofie, con crisi anossiche da eutrofizzazione che si innescheranno soprattutto col caldo estivo. Fenomeni ripetutisi anche lo scorso anno, con estese morie di pesci; nell’area segregata diventerebbero molto più frequenti. Ci dovremo attendere ricorrenti morie di pesci (con impatti gravi anche per la pesca), esplosioni algali e probabili invasioni di chironomidi».

È dunque necessaria per Italia Nostra una ripubblicazione del progetto e del “Sia” (Studio di impatto ambientale) affinché tutti i cittadini possano riformulare nuove osservazioni.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui