Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Il direttore del Consorzio Venezia Nuova: «Nuove gare d’appalto al via da giugno»

Diventa ormai il 2018 la data più probabile per la conclusione effettiva dei lavori di realizzazione del Mose, alla luce dei ritardi accumulati soprattutto negli ultimi mesi, anche se quella del giugno del 2017 è ancora quella ufficialmente dichiarata. Ma lo slittamento è nei fatti, dopo i ritardi accumulati soprattutto negli ultimi mesi, ma che ora dovrebbero essere giunti alla conclusione, come conferma il direttore del Consorzio Venezia Nuova Hermes Redi.

«I ritardi ci sono effettivamente stati perché non è stato possibile bandire nuove gare d’appalto per le opere perché non vi era la certezza della disponibilità dei finanziamenti – spiega l’ingegner Redi – ma alla luce dell’incontro avuto a Roma nei giorni scorsi al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tra il ministro Graziano Delrio, il presidente dell’Anac Raffaele Cantone, il prefetto di Roma Franco Gabrielli e i commissari del Consorzio Venezia Nuova, Luigi Magistro e Francesco Ossola, già da giugno dovremmo essere in grado di bandire le nuove gare. I fondi per le opere sulla carta ci sono tutti, ma il punto è proprio averne l’effettiva disponibilità o evitare, come già accaduto, che vengano stornati in altre direzioni. Ma dal ministro si è avuta proprio questa rassicurazione e dunque i lavori – che sono comunque all’85 per cento del totale delle opere – dovrebbero riavviarsi regolarmente».

Gli ultimi 221 milioni – sui 5 miliardi e 400 milioni di costo totale – sono stanziati di recente per il Mose. Il Def (Documento economico finanziario) prevede la somma residua necessaria al Consorzio Venezia Nuova per completare la grande opera.

Quasi completata la schiera delle 39 paratoie che saranno installate alla bocca di Lido, dove sono state anche fatte le prime prove di sollevamento. In corso quelle per la bocca di Malamocco (20), dove è prevista una conca di navigazione – già insufficiente a far entrare le navi di ultima generazione – e di Chioggia (18).

Chi rischia di ritrovarsi a casa entro fine anno son o invece purtroppo i 30 dipendenti della società consortile Cav, rimasti senza commesse e che per questo hanno protestato anche in questi giorni.

(e.t.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui