Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Per la sanità pubblica saranno mesi difficili. In attesa del distretto

DOLO – Uno dei temi centrali di questa campagna elettorale sarà quello della Sanità in particolare del futuro dell’ospedale di Dolo. In questi anni c’è stato un forte scontro politico soprattutto per quel che riguarda le schede ospedaliere redatte dalla Regione Veneto, che prevedono lo spostamento dei reparti chirurgici da Dolo a Mirano e la creazione a Dolo di un polo ospedaliero medico, e il piano aziendale presentato da Gino Gumirato, direttore generale dell’Asl 13.

Per rimarcare e sollecitare la necessità di salvaguardare e potenziare il nosocomio dolese erano state organizzate dal comitato “Bruno Marcato” e dal Coordinamento per la Salvaguardia dell’ospedale, due manifestazioni, una raccolta firme, un sit-in nella sala consiliare del municipio e numerose iniziative e volantinaggi pubblici.

Ultimo tema è il futuro del distretto sociosanitario che era previsto ad Oriago ma che alcuni vorrebbero a Dolo nell’ex sede del Tribunale o in alcuni immobili dismessi all’interno dell’ospedale.

A riguardo il Coordinamento per la Salvaguardia dell’ospedale vuole organizzare un dibattito sul tema della Sanità con i candidati rivieraschi al consiglio regionale e sicuramente chiederà chiarimenti e progetti anche ai sette candidati sindaci di Dolo.

Tutto questo in attesa che vengano presentate da parte della Regione Veneto le schede territoriali e la paventata riforma strutturale che potrebbe portare alla nascita delle Asl provinciali.

(g.pir.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui