Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Incontro a Marghera

Nella tana del lupo. Dove, almeno in apparenza, le sue posizioni non sono tra le più popolari. Invece ieri mattina il candidato sindaco del centrosinistra Felice Casson ha riscosso un buon successo proprio tra le imprese portuali.

Incontro organizzato a Marghera dalla nuova Clp, la Compagnia dei lavoratori portuali. Tema sul tappeto, il rilancio della portualità e le grandi navi.

«Intanto voglio ribadire che io sono favorevole al mantenimento dell’attività croceristica», ha esordito Casson, «chi dice il contrario dice il falso. Vanno però prese in considerazione le soluzioni alternative già proposte a salvaguardia della laguna».

Tra queste «non ci potrà essere il nuovo scavo del canale Contorta. Strada non percorribile perché contraria ai principi della legge Speciale».

«Attendiamo l’esito delle elezioni per fare i confronti e le nostre valutazioni», ha concluso Casson, «le soluzioni alternative possono portare nuovo slancio alla portualità e nuova occupazione».

In platea diversi soggetti imprenditoriali. Il presidente della Nuova Clp Davide Tassan e il suo vice Cristiano D’Iseppi; il direttore della terminal Vecon Roberto Goglio, Giorgio Lorenzato e Pierluigi Penzo, presidente e vicepresidente della Multiservice; Roberto Semenzato, direttore della Tiv, Davide Calderan, dei Rimorchiatori Panfido, Ciro Romano per i Piloti, gli Agenti marittimi Galli e Salvaro, rappresentanti del sindacato e il direttore dell’Autorità portuale Martino Conticelli.

(a.v.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui