Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Al convegno con Nencini, il candidato chiede scelte veloci e il presidente vuole “vera leadership”

«Sulle grandi navi stiamo lavorando con Delrio e contiamo su una risposta veloce, dopo i problemi legati al cambio al ministero». Riccardo Nencini, segretario nazionale dei socialisti e viceministro alle Infrastrutture e Trasporti ieri al Candiani ha ribadito che il governo non sottovaluta la questione Grandi navi, uno dei temi caldissimi di questa campagna elettorale alle battute finali.

Parla anche di alta velocità Nencini, ricordando il progetto Rfi per il collegamento con l’aeroporto Marco Polo e il passo avanti della tratta Verona-Vicenza: il progetto sarà pronto per fine agosto, rassicura.

Al dibattito dei socialisti democratici di Luigi Giordani, dedicato allo sviluppo di Porto e aeroporto, sono arrivati anche Paolo Costa, presidente dell’Autorità portuale, e Felice Casson, candidato sindaco del centrosinistra.

Su posizioni distanti, come noto, sullo scavo del canale Contorta. Nessuno scontro dialettico faccia a faccia per loro perché Casson fa il suo intervento e poi scappa a rincorrere i tanti impegni della giornata e non ascolta fino alla fine l’intervento di Costa.

Ma il messaggio tra i due è stato chiaro. Casson ha ricordato prima che la scelta del commissario Zappalorto di firmare una intesa con Save sul terminal di Tessera «è una decisione che sconcerta perché un tecnico entra a gamba tesa su una questione complessa su cui si discute da anni e lo fa a pochi giorni dal voto.

Una intesa che dovrà essere discussa e rivista dalla nuova amministrazione» e sulle grandi navi invita Nencini e il governo «ad evitare le calende greche perché la risoluzione del Senato del febbraio 2014», quella che prevedeva la valutazione di tutte le alternative, «prevedeva una risposta in tre mesi e invece le cose sono andate per le lunghe e ora vanno velocizzate per favorire lo sviluppo ed evitare di perdere posti di lavoro».

E uno strumento utile, ricorda il candidato, è «l’istruttoria pubblica introdotta dal consiglio comunale veneziano nel 2012», che permette di sentire anche territori e Municipalità.

Paolo Costa, dal canto suo, non perde l’occasione per ribadire che Porto e Aeroporto per Venezia non sono semplici infrastrutture ma «attrattori attorno cui si può pensare di ricostruire la base economica che è stata distrutta in città dall’implosione di Porto Marghera». E continua: «O capiamo che il destino della città è quello di guardare al mondo o non ci siamo. E allora serve misura», spiega Costa. «Certo è importante sentire anche i pareri della Municipalità ma serve una vera leadership in città». E parla di un incontro recentissimo avuto con operatori asiatici ed europei per «fare di Venezia la porta principale della via della Seta. Al largo di New York i cinesi stanno realizzando, in acque internazionali, un porto offshore» e i progetti di Venezia vengono presi come esempio. E poi mostra in una tabella lo stato di valutazione dei vari progetti in campo, con la posizione migliore assegnato al progetto del Contorta. «Non chiediamo favori ma che ci sia la consapevolezza che il nostro Porto è il meglio collocato in Europa, al centro di tre corridoi e di una via marittima padana che potrebbe vedere Mantova come retro di Venezia. Su questo deve uscire l’orgoglio veneziano», dice il presidente del Porto. «A perderci in chiacchiere si perdono grandi occasioni», dice il presidente. Nencini rassicura: «Per fortuna Costa ha una strategia. Il Porto di Venezia non è solo il porto del Veneto ma è il porto del Mediterraneo largo».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui