Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

polo_logistico_giare_dogaletto

 

Comunicato Stampa Opzione Zero 1 luglio 2015

Polo Logistico a Dogaletto, Opzione Zero risponde duramente al direttore di Apindustria Pier Orlando Roccato: “E’ ora di finirla di giocare sulla pelle della gente -sbotta il Presidente del Comitato Mattia Donadel – di quali posti di lavoro parla Roncato? Di quelli persi grazie alle delocalizzazioni operate dagli industriali del nord-est per fare profitti là dove i salari valgono meno di una pipa di tabacco e dove c’è libertà di inquinare? O del lavoro “a chiamata” proposto dalla società Humana del suo amico Luigi Brugnaro e dalle altre agenzie di lavoro interinale? Il progetto di piattaforma logistica nell’area di Giare-Dogaletto non è altro che una gigantesca speculazione immobiliare a tutto vantaggio dei proprietari di quei terreni, e come si sa proprio la speculazione immobiliare, oltre che quella finanziaria, sono tra le principali cause della disoccupazione dilagante. Se il futuro dell’area veneziana è la portualità allora si faccia un ragionamento serio sulla riqualificazione delle aree dismesse e inquinate di Porto Marghera, dove esistono già le infrastrutture necessarie per lo sviluppo della logistica”.

Secondo Opzione Zero, la dichiarazione del presidente di Apindustria è preoccupante e sintomatica di come l’elezione di Luigi Brugnaro a Sindaco di Venezia possa ridare la stura alle lobby del cemento e dell’asfalto, non solo nella Città lagunare ma anche e soprattutto nell’area metropolitana. Con la riforma “Del Rio” c’è infatti il rischio concreto che molti poteri che oggi sono in capo ai Comuni vengano accentrati dal Sindaco metropolitano e dal suo organo esecutivo, soprattutto in tema di infrastrutture e pianificazione.

Opzione Zero rimane comunque in stato di allerta pronta a dare battaglia su tutti i fronti per difendere il territorio e la salute.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui