Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Romea commerciale: indietro non si torna

Posted by Opzione Zero in Comunicati Stampa, Opzione Zero, Rassegna stampa | 0 Comments

27

apr

2019

romea_sicura_subito

Comunicato stampa Opzione Zero 26 aprile 2019

Romea commerciale: indietro non si torna

 

Messa in sicurezza e riduzione dei TIR rimangono le priorità.

Pronti a contrastare con ogni mezzo la Romea commerciale.

I cambiamenti climatici impongono un drastico cambio di rotta e l’uscita immediata dai combustibili fossili.

Chi come Zaia propone ancora cemento e asfalto è fermo all’anno 0, oppure è in combutta con le lobby delle “grandi opere”.

Basta dare fiducia a chi, come la Lega, promuove progetti che distruggono l’ambiente e minacciano la salute delle persone.

 

“Sulla Romea indietro non si torna: ANAS deve concludere in fretta i lavori di messa in sicurezza della SS 309 e dissuadere in tutti i modi il transito dei TIR di lunga percorrenza, solo così si possono risolvere in tempi rapidi i problemi della statale più pericolosa d’Italia. Opzione Zero e gli altri comitati della Rete Stop Orte-Mestre continuano a monitorare le mosse del Governo, e sono pronti in ogni momento a riprendere la lotta per contrastare qualsiasi ipotesi di autostrada, opera inutile, distruttiva e antistorica” – questa la secca risposta di Opzione Zero alle recenti e ripetute prese di posizione di vari esponenti politici e istituzionali a favore dell’autostrada Orte-Mestre o della sua versione ridotta Mestre-Ravenna.

Il riferimento è alle dichiarazioni del presidente regionale, il leghista Luca Zaia, e dall’AD di Veneto Strade Silvano Vernizzi rilasciate alla Nuova Venezia lo scorso 22 aprile: secondo i due amministratori, la famigerata autostrada dovrebbe tornare ad essere in cima alle priorità del Governo. A fare loro eco anche Remo Sernagiotto candidato alle elezioni europee per Fratelli D’Italia, che addirittura rilancia proponendo il completamento della A27 fino a Monaco e l’autostrada del mare.

“Siamo una delle regioni più inquinate, più cementificate, più dissestate di tutto il Paese; una delle regioni che per prima ha sperimentato cosa significa il “sistema delle grandi opere”, dal Mose al Passante, alla Pedemontana: un sistema fatto di corruzione, infiltrazioni mafiose, illeciti ambientali, spreco di miliardi di euro pubblici. Eppure – proseguono dal comitato – per questi personaggi che da decenni governano e amministrano il Veneto, e che dunque hanno la responsabilità quanto meno politica di una situazione disastrosa, le priorità e la soluzione dei problemi stanno ancora nel cemento e nell’asfalto”.

Per Opzione Zero, di fronte a questo quadro, di fronte alla gravissima emergenza dei cambiamenti climatici che dovrebbe imporre a tutti, e in particolare ai decisori politici, un cambio totale di rotta, simili dichiarazioni si spiegano in due soli modi: o con una visione politica “fossilizzata”, o con la commistione di interessi tra finanza, politica, lobby economiche e criminalità organizzata che spesso si annidano dietro alle “grandi opere”.

In entrambe i casi si tratta di due validi motivi per non dare più alcuna fiducia a esponenti e forze politiche come la Lega, che continuano a promuovere un modello economico devastante per l’ambiente e per la salute delle persone.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui