Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

manifestazione_13_a_venezia

INCENERITORE FUSINA

La mobilitazione continua

TUTTI A VENEZIA SABATO 13 GIUGNO – ORE 17-19

Sabato 13 giugno il Comitato No Grandi Navi ha indetto una importante mobilitazione con l’intento di costruire una lunga catena umana da San Basilio a Punta della Dogana. Obiettivo è riaffermare ancora una volta che l’unico futuro possibile e necessario per Venezia, per il territorio metropolitano e regionale è quello che guarda alla riconversione ecologica, al lavoro degno, alla giustizia sociale, alle relazioni solidali.

Il MOSE, le Grandi Navi, l’Inceneritore, la cementificazione, la Pedemontana, le produzioni nocive e fossili rappresentano nel nostro territorio quel sistema estrattivista e predatorio finalizzato ad alimentare e consolidare un blocco di potere politico, economico, finanziario marcio e senza scrupoli. E’ un sistema che privilegia il profitto di pochi, che distrugge l’ambiente e la vita delle persone, che a livello globale minaccia pericolosamente l’intero Pianeta con i cambiamenti climatici e la devastazione degli ecosistemi.

L’inceneritore che la Giunta del Veneto guidata da Zaia sta per approvare con l’avvallo del Partito Democratico, rappresenta in modo emblematico questa logica, e anzi costituisce un anello fondamentale delle catene produttive consumiste votate allo sviluppo infinito.

Per questo come comitati e associazioni impegnati a contrastare l’ecomostro di Fusina invitiamo tutti a partecipare numerosi alla manifestazione di sabato e a costruire insieme a noi un pezzo significativo di questa grande catena umana per portare in evidenza questa importante vertenza.

Partenza dalla Riviera ore 16 – per maggiori info scrivi a info@opzionezero.org

 

  1. 1 Comment

    • Annamaria says:

      Mi chiamo Annamaria, abito a Silea (TV) dove circa 15 anni fa ho partecipato ai comitati di cittadini contro la costruzione dell inceneritore che volevano costruire proprio qui. Quella volta il progetto è stato alla fine stralciato.
      Ora sto seguendo da casa la vostra battaglia. In questo momento sono in malattia e invalida x cui mi è impossibile partecipare alle vostre iniziative, anche se lo vorrei tantissimo. Speravo che idee così funesta e retrograde fossero messe da parte definitivamente ma non è così. Credo che il problema sia quello dei cospicui finanziamenti che incredibilmente ricevono ancora attraverso i certificati verdi, quella quota che ogni cittadino versa in bolletta e che dovrebbe finanziare fonti rinnovabili di energia. E incredibilmente gli inceneritori sono stati inseriti tra queste. Nessuno è ancora riuscito a far correggere una tale assurdità. Questo potrebbe essere un momento favorevole.
      Nella mia immobilità mi è venuto da pensare che la presenza di una Greta Tundberg darebbe subito un rilievo mediatici alle vostre iniziative. Io non ho gli strumenti per invitarla, ma potrei ospitarla a casa mia con i suoi genitori qualora accettasse un invito. È chiaro che qualcuno dovrebbe provvedere ai suoi spostamenti xché io non posso guidare. Grazie x quello che state facendo. Anna

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui