Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Il Mose entrera’ in funzione tra due anni

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

apr

2015

Summit a Roma tra il ministro Delrio, il presidente Anac Cantone e i commissari del Venezia Nuova

VENEZIA – Primo incontro sullo stato di avanzamento del Mose ieri mattina al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tra il ministro Graziano Delrio, il presidente dell’Anac Raffaele Cantone, il prefetto di Roma Franco Gabrielli e i commissari del Consorzio Venezia Nuova, Luigi Magistro e Francesco Ossola.

L’incontro si è tenuto con l’obiettivo di fare il punto sullo stato di attuazione del Mose e sulle misure necessarie per riavviare i lavori a pieno ritmo. Il ministro ha garantito che le risorse già previste consentiranno il raggiungimento degli obiettivi. Nuovi incontri si terranno nelle prossime fasi di lavoro.

Il Mose di Venezia si avvicina alla conclusione, che però slitta ancora rispetto al cronoprogramma iniziale: la messa in esercizio del sistema di dighe mobili, che salveranno Venezia dalle acque alte, non vi sarà prima del giugno 2017. Lo aveva certificato anche la riunione del Cipe a Palazzo Chigi, che aveva dato il via libera all’ultima tranche di lavori contrattualizzati, per un importo di oltre 1,2 miliardi di euro. L’opera ha ormai con uno stato dei lavori avanzato per oltre l’85 per cento.

L’impegno preso ieri a Roma è relativo anche all’effettiva messa a disposizione dei fondi stanziati, perché una parte del rallentamento subìto dai lavori sarebbe dovuto anche all’iter burocratico – e a eventuali storni di fondi – che precede la loro effettiva messa a disposizione. Altri 221 milioni sono stanziati più di recente per il Mose.

Il Def (Documento economico finanziario) prevede la somma residua necessaria al Consorzio Venezia Nuova per completare la grande opera. Adesso il Consorzio ha disponibili in teoria tutte le risorse necessarie a completare le dighe mobili, i cui lavori dovrebbero concludersi entro il 2017. Cinque miliardi e 400 milioni di euro, che potrebbero ridursi di un po’ se andrà in porto la spending review annunciata dal direttore Hermes Redi, succeduto due anni fa a Giovanni Mazzacurati.

I lavori del Mose proseguono alle tre bocche di porto. Quasi completata la schiera delle 39 paratoie che saranno installate alla bocca di Lido, dove sono state anche fatte le prime prove di sollevamento. In corso quelle per la bocca di Malamocco (20), dove è prevista una conca di navigazione – già insufficiente a far entrare le navi di ultima generazione – e di Chioggia (18).

(e.t.)

 

Nuova Venezia – Procuratie Vecchie, spuntano gli alloggi

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

apr

2015

Le Generali potranno realizzarli a uso foresteria in base all’accordo raggiunto con il Comune sulla fine dell’uso pubblico

Ci saranno appartamenti e posti-letto ricavati in una parte delle Procuratie Vecchie su cui è stato rimosso il vincolo di uso pubblico in seguito all’accordo stipulato tra il commissario straordinario Vittorio Zappalorto per il Comune e le Assicurazioni Generali.

Non si tratta del complesso di miniappartamenti che le Generali volevano già realizzare diversi anni fa – poi bloccati dal no del Comune alla speculazione edilizia – ma pur sempre di alloggi a uso foresteria che saranno realizzati per essere messi a disposizione degli ospiti delle attività di ricerca, studio e rappresentanza che la compagnia assicuratrice vorrà insediare negli oltre 13 mila metri quadrati di pregiati spazi nel cuore di Piazza San Marco che tornano interamente a sua disposizione.

In cambio il Comune riceverà un “obolo” di 3 milioni di euro per la rinuncia all’uso pubblico su tutta l’area e il comodato gratuito ventennale su una porzione di 640 metri quadrati di Procuratie che resteranno a sua disposizione.

L’accordo prevede «l’esclusione delle attività alberghiere», da quelle che potranno essere insediate da Generali negli spazi che tornano a sua disposizione, ma prevede destinazione d’uso commerciale al piano terra, destinazione d’uso direzionale per parte del primo piano e dell’ammezzato attualmente utilizzate direttamente dal Gruppo Generali e destinazione d’uso residenziale per parte del secondo piano e del secondo ammezzato.

Ed è qui che saranno realizzati i nuovi alloggi a uso foresteria – al Comune saranno riservati 15 pernottamenti l’anno per i suoi ospiti – il cui numero e dimensione non è precisato, ma è rimandato al progetto di ristrutturazione e riuso che le Generali dovrebbero presentare entro l’anno al Comune e alla Soprintendenza, per iniziare subito i lavori.

Gli alloggi potranno essere realizzati purché collegati alle «attività svolte nell’edificio o comunque funzionali alle esigenze di enti pubblici e soggetti privati insediati e perché non assuma carattere prevalente rispetto all’insieme delle destinazioni d’uso private» degli spazi restanti.

Ma niente paura. Alle Generali basterà pagare un po’ di più al Comune per aumentare a suo piacimento le destinazione d’uso privato – previsto dall’accordo al 30 per cento degli spazi totali – rispetto a quelle di interesse generale, che sarebbero l’altro 70 per cento.

Con un altro «obolo» di un milione di euro potrà «assoggettare a destinazioni d’uso private tutte le superfici aventi destinazione d’interesse generale (con l’eccezione, per la durata del comodato, degli spazi concessi al Comune di Venezia, col limite dell’uso diretto da parte del Gruppo Generali».

Ma se la compagnia assicuratrice sarà un po’ più generosa con il Comune, e gli verserà altri 9 milioni di euro potrà «assoggettare a destinazioni d’uso private tutte le superfici aventi destinazione d’interesse generale, senza limiti d’uso».

Un altro contentino è previsto per il Comune da Generali, in vena di regali: «qualora tutte le superfici utili del Bene fossero assoggettate a destinazioni private, la durata del comodato gratuito sarà prorogata di 10 anni».

Da parte loro, le Assicurazioni Generali assicurano che gli alloggi a uso foresteria da realizzare non sono ancora stati precisati nel numero, perché il progetto non è stato ancora concluso e che serviranno comunque agli ospiti delle iniziative culturali o di ricerca organizzati negli spazi delle Procuratie Vecchie.

Tutto sta, in base agli accordi, nelle mani delle Generali. Al Comune basta aver monetizzato, sia pure al ribasso.

Enrico Tantucci

 

Lidia Fersuoch: come per il Fontego, si svende il patrimonio pubblico per una mancia

Italia Nostra durissima: «È un’indecenza»

«È un’indecenza che si pensi di poter rinunciare all’uso pubblico da parte del Comune per un complesso monumentale come quello delle Procuratìe Vecchie – in cambio, oltretutto, di pochi spiccioli per una compagnia di quel peso economico – e che in più si dia via libera alla realizzazione di alloggi all’interno di esse, sia pure ammantandoli con la giustificazione che si tratterebbe di foresterie ad uso degli ospiti delle iniziative culturali o scientifiche programmate dalle Generali nei nuovi spazi».

È il duro giudizio sulla vicenda del presidente della sezione veneziana di italia Nostra Lidia Fersuoch- «Ormai a Venezia si svende il patrimonio pubblico al miglior offerente – insiste Fersuoch – e i 3 milioni che il Comune ricaverà dall’operazione-Procuratìe fanno il paio con i 6, non ancora incassati, per la rinuncia all’uso pubblico sul Fontego dei Tedeschi per realizzare il grande magazzino voluto da Benetton. In più, con la gestione commissariale, queste cose si scoprono solo quanto sono state già decise e mai discusse con la comunità veneziana, senza neppure un minimo di trasparenza».

Anche l’architetto Marco Zanettin, del movimento Venezia Cambia, che ha presentato articolate osservazioni anche in Consiglio di Municipalità sulla cessione dell’uso pubblico delle Procuratìe, conferma tutte le perplessità sulla vicenda degli alloggi ad uso foresteria.

«Dalla convenzione» spiega «non è chiaro, né precisato quanti e di che dimensioni saranno e neppure chi ne sarà l’effettivo utilizzatore. Tutto è lasciato volutamente nel vago e nell’incertezza, con un’urgenza sospetta e immotivata con cui è stato adottato a questo provvedimento da parte del commissario Zappalorto».

Ora la palla passerà al nuovo sindaco, ma sull’operazione Procuratìe Vecchie e i suoi risvolti immobiliari, urge fare piena luce.

(e.t.)

 

SAN STINO – Marzo da record per la piattaforma logistica. Con 45mila tonnellate di merci scambiate, l’interporto sanstinese dell’Mvo (Magazzino veneto orientale) e la Rail Cargo Group delle Ferrovie austriache, ha stabilito il primato da quando ha iniziato ad operare nel 2003. Dopo la crisi del 2012, già nel 2013 la piattaforma con una media di 30mila tonnellate mensili e due treni merci al giorno in entrata e uscita, era tornata a buoni livelli. Ora si viaggia a una media di tre treni multicliente chattel via Villach (andata e ritorno) al giorno. Le merci vengono scaricate e distribuite in tutta Italia, isole comprese.

«A parte il record di marzo – spiega Roberto Dal Mas, direttore della struttura – dall’inizio dell’anno abbiamo avuto un incremento del 10%. Segno che l’economia si sta muovendo bene sia in in import che in export». La piattaforma logistica di San Stino si sviluppa in un’area di 130mila metri quadri con due capannoni da 24mila metri quadri, 3 chilometri di binari, ed è dotata di una serie di moderni carriponte.

Ma alcune nubi si stanno profilando: tra Mestre e Portogruaro, a fine giugno chiudono le due ultime stazioni. Con San Donà chiude anche la stazione di San Stino (non ci saranno più capistazione e deviatori) e quindi Rfi non potrà più garantire le manovre con personale in loco: tutto dovrebbe essere telecomandato dalla centrale di Mestre. A San Stino la mancanza del capostazione e del manovratore potrebbe limitare l’operatività della struttura logistica. A preoccuparsi sono soprattutto i sindacati, Orsa in particolare.

(m.mar)

 

TRIESTE – Da qui al 2038 pedaggi rincarabili dell’1,5% all’anno anziché del 2,11%. Autovie Venete presenta allegati e correttivi al Piano finanziario: prevede investimenti pari a 900 milioni per completare l’asse Portogruaro-Palmanova e altri 500 per finire il lotto Gonars-Villesse e realizzare quello fra San Donà e Portogruaro). Ora si attende ora un via libera interlocutorio dal Ministero delle Infrastrutture.

Già, perché la vera partita si gioca a Bruxelles, dove la delegazione governativa italiana – ora anche con il placet del neo-ministro Graziano Delrio, punta al riconoscimento per la Spa autostradale e per Autobrennero delle caratteristiche di società in house.

Debora Serracchiani chiede verifiche e approfondimenti tecnici, amministrativi e strategici, sebbene una serie di chiarimenti pare abbia stemperato i dubbi su questa soluzione: in pratica il Governo affida senza gara la gestione della rete alla Regione Fvg, che a sua volta la affida ad Autovie Venete. Ma c’è un inghippo mica da ridere: Autovie dovrebbe sottoporsi al controllo analogo di bilancio con la Regione, cosa di per sé abbastanza invalidante sul piano dell’agilità strategica e operativa. E soprattutto dovrebbe essere scorporata dal controllo di Friulia e planare direttamente nel grembo di Mamma Regione. Serve una legge e ancor più servono complessi passaggi tecnici. Gli utili di Autovie non fornirebbero più uova d’oro al desco di Friulia, questo è pacifico, ma anche con i numerosi soci privati si profilano accordi di non immediata definizione. Non è problematica, invece, la presenza minoritaria di tali soci: la Direttiva europea 23/2014, infatti, ne ammette l’esistenza, ma a condizione che non possano in alcun modo modificare le strategie dell’azienda.

La prospettiva di questa imponente operazione legislativa e tecnica si fa ogni giorno più concreta, mentre a Bruxelles si sta per calendarizzare un nuovo confronto del Governo italiano con le Direzioni generali della concorrenza e del mercato interno prima del via libera politico della Commissione europea. Contatti si sono avuti in questi giorni anche fra Autovie e Autobrennero, per le quali si disegnano analoghe prospettive di matrice pubblica.

M.B.

 

Gazzettino – Vittorio Veneto. Pedaggio gratis: A27 dice no.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

apr

2015

VIABILITA’ – L’unica possibilità: il Comune dovrebbe pagare al posto degli automobilisti

Il sindaco incontra Autostrade: nessuno spiraglio per liberalizzare il tratto tra i 2 caselli

Autostrada senza pedaggio solo se il Comune o un altro ente copriranno il mancato incasso. Pare debba rimanere un sogno la possibilità che i vittoriesi possano viaggiare gratis nel tratto compreso tra il casello Vittorio Veneto nord e quello sud dell’A27.

È quanto emerso al termine dell’incontro di giovedì tra il sindaco Roberto Tonon e il direttore del IX tronco di Società Autostrade per l’Italia, Alessandro Melegari. Tonon si è recato a Tavagnacco (Udine) per affrontare la possibilità di liberalizzare il tratto dell’A27 vittoriese, dunque fare in modo che le auto in transito di alcune categorie di utenti non paghino il pedaggio e utilizzino l’A27 quale tangenziale. Liberalizzazione che oggi è praticata nel tratto tra Dolo e Mirano, e in altri casi in Italia.

«La Società Autostrade non ha lasciato aperto alcun spiraglio per una qualche forma di liberalizzazione del nostro tratto, a meno che il Comune o altro soggetto non paghi l’intero mancato incasso» fa sapere Tonon.

«Chiaro che la liberalizzazione non ce la possono regalare – afferma l’assessore Alessandro Mognol, da sempre sostenitore dell’apertura del tratto autostradale quale alternativa al traforo Anas – All’epoca l’assessore Bruno Fasan aveva parlato di circa 60 mila euro all’anno quale somma da versare a Società Autostrade: credo che sia una cifra che l’amministrazione vittoriese, magari sentendo anche l’interesse dei comuni vicini, possa permettersi, almeno per avviare una sperimentazione. Senza contare – chiude – che con i soldi del traforo potrebbe rimanere aperta per oltre 900 anni».

Il tono della nota inviata ieri dal municipio però non lascia margini di trattativa tra le parti.

«Nel rispetto del programma di mandato dell’amministrazione – evidenzia Tonon – abbiamo voluto approfondire con Società Autostrade l’ipotesi di utilizzo del tratto tra i caselli nord e sud con funzioni di attraversamento della città, a seguito del dibattito in corso. E a scanso di equivoci – conclude – l’incontro non aveva nulla a che vedere con la questione del traforo, i cui lavori procedono, e per la quale si stanno studiando le migliorie».

Claudia Borsoi

 

Dura posizione dell’istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale

I senatori Puppato e Casson (Pd) hanno presentato un’interrogazione urgente

Le risposte del Porto non sono sufficienti. Ci sono troppe criticità importanti che restano aperte sul progetto Contorta. Un «no» che pesa, quello messo nero su bianco dall’Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, che potrebbe definitivamente portare alla bocciatura del progetto di scavo del nuovo canale Contorta Sant’Angelo.

Lo ha reso noto ieri l’associazione Ambiente Venezia, che invita adesso il governo a «prendere nato dell’irrealizzabilità della proposta dell’Autorità portuale».

Le risposte fornite dal Porto alle 134 osservazioni formulate dalla commissione Via del ministero per l’Ambiente, secondo l’Ispra non sono adeguate a fugare i timori.

«In oltre l’80 per cento dei quesiti», dice il portavoce Luciano Mazzolin, «le risposte sono giudicate non esaustive e vengono messe in evidenza le criticità dal punto di vista ambientale e della conservazione della laguna. Ci fa piacere che vengano in questa sede scientifica ripresi i contenuti di tante osservazioni inviate dal mondo civile e scientifico. Bisogna adesso archiviare definitivamente questo disastro lagunare e proseguire sulle alternative credibili alle grandi navi come il terminal al Lido già definito progettualmente, unica soluzione che può mantenere l’attività crocieristica a Venezia e coniugare lavoro e salvaguardia dell’ecosistema lagunare».

Sulla vicenda ieri hanno presentato una interrogazione urgente anche i senatori del Pd Laura Puppato e Felice Casson, candidato del centrosinistra a sindaco di Venezia. Chiedono al governo che il rapporto del’Ispra, «organismo scientifico nazionale preposto alla congruità delle risposte fornite dal proponente alle richieste della commissione Via» venga reso pubblico. Chiedono anche garanzie che la valutazione scientifica sia tenuta in debito conto.

«Senza condizionare la valutazione finale della commissione e senza venire superata dalla politica, come successo spesso nell’iter del progetto Mose».

«Preoccupano le affermazioni del presidente del Porto», scrivono Casson e Puppato, «che annuncia un parere favorevole della commissione Via».

I due senatori chiedono infine al presidente del Consiglio, ai ministri delle Infrastrutture e dell’Ambiente «il rispetto dell’impegno di trasparenza e di correttezza, oltre che di celerità, già assunto dal governo dopo la mozione del Senato il 6 febbraio del 2014. «Per garantire l’industria crocieristica, il lavoro e la salvaguardia della laguna». Una battaglia che va avanti.

Alberto Vitucci

 

IL PROGETTO – Ulss e Comune stanno valutando il trasferimento nell’ex tribunale

Gottardo: «Istituito un tavolo comune per predisporre uno studio di fattibilità»

Si prospetta la possibilità che il Distretto sanitario rivierasco possa essere trasferito nei locali dell’ex Tribunale di Piazzetta degli Storti o quantomeno vi possa essere uno sdoppiamento con parte dell’attuale distretto, potrebbe essere il settore materno-infanile, che rimane nella sede di Villa Lenzi a Mira e tutti gli altri settori che si trasferiscono a Dolo.

È la sindaca di Dolo Maddalena Gottardo ad anticipare questa eventualità. «In occasione dell’incontro avvenuto l’8 aprile col direttore generale dell’Ulss, Gumirato, è stato deciso di istituire un tavolo tecnico congiunto Ulss/Comune di Dolo, allo scopo di predisporre uno studio di fattibilità circa l’insediamento del distretto socio sanitario a Dolo nella sede dell’ex tribunale e per verificare nel contempo la risoluzione delle pendenze immobiliari tra Ulss 13 e Comune. I referenti per l’azienda Ulss 13 sono il dr. Angiolelli, per la parte Socio Sanitaria, e l’ing. Morrone per la parte Tecnica. – Il sindaco dolese ha proseguito – Per il Comune di Dolo partecipano al tavolo i responsabili dei settori Lavori Pubblici, Urbanistica, finanziario e Patrimonio».

Il via vai all’interno dei locali dell’ex tribunale di funzionari e tecnici del comune e dell’Ussl ed in particolare la presenza del dottor Angiolelli, direttore del distretto sanitario mirese, non era passata inosservata ed aveva fatto intuire che qualcosa stesse accadendo.

«Si – Ammette il sindaco – Il primo incontro è avvenuto il 22 aprile con la sola partecipazione dei tecnici, i quali si sono impegnati nel più breve tempo possibile a consegnare all’amministrazione diverse soluzioni progettuali. L’intento è quello di predisporre un documento tecnico che consenta a chiunque dovesse insediarsi nell’amministrazione di valutare l’opportunità dell’operazione. Della serie – ha concluso Maddalena Gottardo – noi lavoreremo fino all’ultimo giorno come se fosse il primo!»

Lino Perini

 

DOLO – Mentre Mira dorme a Dolo prende corpo l’ipotesi di trasferire il distretto socio-sanitario nell’ex tribunale di Dolo?

Nasce un gruppo di lavoro per valutare l’opportunità. Ad annunciarlo è Maddalena Gottardo, sindaco di Dolo. «Dopo l’incontro dell’8 aprile con il direttore generale dell’Asl 13, Gino Gumirato», spiega Gottardo, «é stato istituito un gruppo di lavoro congiunto Asl – Comune di Dolo per predisporre uno studio di fattibilità circa l’insediamento del distretto sociosanitario a Dolo nella sede dell’ex tribunale e per verificare, nel contempo, la risoluzione delle pendenze immobiliari tra Asl e Comune.

Il primo incontro si è svolto mercoledì con la partecipazione dei tecnici dell’azienda sanitaria e del comune che si sono impegnati a consegnare all’amministrazione comunale diverse soluzioni progettuali».

Prende quindi corpo la possibilità di ospitare a Dolo il distretto sanitario che doveva in origine essere costruito a Mira.

«L’intento», prosegue il sindaco, «è di predisporre un documento tecnico che consenta a chiunque dovesse insediarsi nella prossima amministrazione di Dolo di valutare l’opportunità dell’operazione».

Giacomo Piran

 

Gazzettino – Mira. Omnibus, nuove corse per le stazioni Fs.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

apr

2015

MIRA – Riparte con tratte più lunghe Omnibus, il servizio di autobus dalle stazioni miresi a Mira. L’Actv ha modificato il servizio con nuovi orari, sempre nei giorni feriali, per venire incontro alle esigenze di studenti e lavoratori pendolari. Tutte le corse da Mira a Marano Fs effettuate dal lunedì al venerdì partono dal nuovo capolinea di Mira Buse e non si fermano in via Marinai d’Italia; al posto di quest’ultima è stata istituita un nuovo stop in via Mediterraneo all’incrocio con la Marinai d’Italia. Da Mira e da Marano le corse partono dalle 6.38 fino alle 20; complessivamente 14 fermate.

Omnibus collega i centri di Dolo, Mira, Mirano con le stazioni ferroviarie di Dolo e Mira-Mirano, in coincidenza con i principali treni della linea Padova-Venezia. Gli autobus che dalla stazione ferroviaria di Mira Buse saranno diretti alla stazione di Mira Marano partiranno alle: 6.38, 7.05, 7.32, 13.53, 14.25, 15.03, 18.23, 18.54, 19.22 e 19.50. Mentre le partenze dalla stazione ferroviaria di Marano saranno alle: 6.55, 7.22, 13.35, 14.06, 14.45, 18.05, 18.36, 19.05, 19.32.

(M.Gia)

 

L’OPERAZIONE – Blitz della Finanza in 48 tomaifici gestiti da cinesi nella Riviera e nel Miranese

Irregolarità nel 70% delle ditte: otto quelle chiuse per lavoro nero e carenze igienico-sanitarie

Concorrenza sleale, connessa a evasione e contraffazione, e sfruttamento al limite dello schiavismo dei lavoratori. Sono le facce della stessa medaglia dell’economia sommersa, quasi interamente nelle mani di imprenditori cinesi, che rischia di annegare il Distretto industriale della Calzatura nella Riviera del Brenta. Un’eccellenza del made in Italy, inteso come qualità, lusso, griffe, il cui fatturato annuo si aggira sul miliardo di euro con 6mila occupati.

E i numeri della seconda offensiva della Guardia di Finanza – Compagnia di Mirano e Baschi verdi di Venezia – messa a segno in collaborazione con la Direzione territoriale del lavoro, l’Inps e l’ufficio Igiene dell’Ulss 13, confermano il grado di pericolo della temuta quanto contrastata ondata anomala.

Il blitz con un centinaio di finanzieri in 48 tomaifici, nell’ambito dell’operazione battezzata “Colpo di tacco”, ha fotografato una situazione preoccupante come più volte denunciato da sindacati e associazioni di categoria: nel 70% dei laboratori manifatturieri sono emerse irregolarità fiscali e contributive con 28 addetti “fantasma” e 104 impiegati al di fuori della normativa contrattuale. In otto casi si è arrivati persino alla chiusura dell’attività. Si tratta di ditte situate tra Mirano, Fossò e Fiesso d’Artico: quattro per la presenza di operai in nero superiore al 30% del totale di occupati; quattro per l’assenza dei requisiti minimi di salubrità e di sicurezza.

«Le condizioni di maggiore precarietà le abbiamo riscontrate – spiega il capitano Michele Soragnese – in un opifici di Fossò dive i sette dipendenti erano costretti a ritmi produttivi opprimenti su postazioni telesorvegliate e alloggio attiguo anche con figli e mogli, senza aspiratori e prese d’aria, costretti a respirare le esalazioni delle colle senza a in spregio alle più elementari norme antinfortunistiche e igienico-sanitari.

Nei confronti di tutte le aziende individuate ora scatteranno le verifiche sul fronte fiscale e dell’abusivismo edilizio.

Da segnalare la nota di plauso diffusa dalla Cgil attraverso il segretario generale della Camera del lavoro metropolitana, Enrico Piron e del segretario dell Filctem, Riccardo Colletti: «Le Fiamme gialle devono continuare nell’azione di contrasto di questa filiera produttiva parallela senza scrupoli e concorrente alla raffinata produzione calzaturiera della Riviera».

 

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui