Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Per firmare la petizione e’ necessario:
1. compilare i campi sottostanti e cliccare su INVIA ORA

 

Compilando la petizione si autorizza il comitato Opzione Zero al trattamento dei dati personali ai sensi del d.lgs. 196/2003.  

Cliccare qui per leggere l’informativa.

 

FIRMA LA PETIZIONE PER DIFENDERE L'OSPEDALE DI DOLO E L'ULSS 13

Mister X

La nostra ULSS è una delle più virtuose di tutta la regione: spende poco, ha già un numero limitato di posti letto, e nonostante i mancati finanziamenti già promessi dalla regione, è riuscita a garantire un buon servizio in un territorio vasto e complesso, abitato da oltre 240.000 persone.

Firma la Petizione Popolare per chiedere:

1) Che venga bloccato l’atto aziendale approvato dal Direttore Gumirato in attuazione delle Schede Ospedaliere e che queste siano completate dalle Schede Territoriali. Vengano definiti preliminarmente i bacini territoriali delle nuove ULSS e le classificazioni degli ospedali; solo dopo si definiscano tempi e modalità di riorganizzazioni dei servizi ospedalieri e territoriali;

2) Di confermare la classificazione dei presidi di Dolo e Mirano come ospedale di rete in due poli, garantendo in particolare anche per l’ospedale di Dolo la natura di ospedale per acuti, e assicurando ad entrambi le funzioni essenziali di emergenza e urgenza, chirurgiche e medico-internistiche. Di assicurare anche nella Riviera del Brenta dei posti letto in un Ospedale di Comunità per post acuti;

3) Di garantire lo stanziamento effettivo del finanziamento di 22,5 milioni di euro già approvato con la Legge Finanziaria regionale del 2010, e destinati prioritariamente alla riqualificazione del vecchio monoblocco dell’ospedale di Dolo;

4) Di garantire lo stanziamento di 1,5 milioni di euro attraverso il fondo regionale di rotazione per la realizzazione del nuovo Distretto sanitario a Mira;

5) Di dare avvio immediato ai lavori per l’adeguamento del pronto Soccorso di Dolo utilizzando i 2.000.000 €. già stanziati e non ancora utilizzati;

6) Di trasferire gli uffici tecnici ed amministrativi, la Direzione Generale e il Servizio Veterinario presso gli spazi vuoti del vecchio ospedale a Dolo e presso l’ex tribunale, risparmiando in questo modo oltre 650.000 euro di affitti annui.

[signature]

Condividi con i tuoi amici:

   

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui