Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

cosa_respiriamo_veneto_city

COMUNICATO STAMPA OPZIONE ZERO 04 FEBBRAIO 2017

SMOG – COMITATI E ASSOCIAZIONI METROPOLITANE PRONTI ALLA MOBILITAZIONE

 

Movimenti, comitati e associazioni non ci stanno, e dopo l’iniziativa dello scorso 14 gennaio a Marghera, rilanciano con due appuntamenti di mobilitazione diffusa nell’area metropolitana previsti per il 18 febbraio e il 4 marzo, con manifestazioni e flash mob a Marghera, Mestre, Venezia, Spinea, Mirano e in Riviera del Brenta.

“Flashsmog: spolveriamo il Veneto dalle polveri sottili e dalle grandi opere” è questo lo slogan con il quale il comitato Opzione Zero lancia un appello alle altre organizzazioni ambientaliste e alla popolazione per mettere in campo fin da subito un’azione forte e decisa anche in Riviera del Brenta.

“Mentre il ministro Galletti si ostina a voler minimizzare il problema – attacca il comitato – qua nella pianura veneta e in particolare nel veneziano si soffoca: gli sforamenti si susseguono un giorno si e l’altro anche esponendo la popolazione a rischi elevatissimi. E’ inaccettabile che la politica e le istituzioni continuino ad affidarsi alla danza della pioggia: la situazione è ormai fuori controllo e assume caratteri strutturali più che emergenziali.

Per invertire la rotta servono azioni coraggiose e drastiche, sia nell’immediato che sul medio-lungo periodo. Il Veneto paga a caro prezzo una politica di sviluppo dissennato che in pochi decenni ha devastato il territorio invadendolo di strade e cemento. Di fronte a questa situazione la maggiore responsabilità sta in capo alla Giunta Regionale che ancora oggi mette a disposizione oltre 600 milioni di euro per un’opera devastante e inutile come la Pedemontana Veneta, mentre per il trasporto pubblico con autobus e tram solo 251 milioni euro.

Anche i Sindaci dovrebbero fare di più: intanto con il lavaggio periodico delle strade e il blocco del traffico, ma poi con azioni di informazione e sensibilizzazione della popolazione, incentivando economicamente l’uso dei mezzi pubblici, e mettendo in atto le azioni previste nei PAES già approvati (Piani di Azione Energia Sostenibile), a cominciare dalla riforestazione del territorio.”

Affrontare il problema si può e si deve, comitati e associazioni stanno elaborando una serie di proposte molto concrete e fattibili che qualificheranno le prossime mobilitazioni.

 

Dopo Martellago-Scorzè arriva il via libera per Spinea. Gli abitanti: «Ma le barriere verdi aspettano»

SPINEA – Ci sono annunci che non tardano a diventare realtà. Ne è un esempio l’apertura al traffico pesante del casello di Crea, avvenuta in tempi record subito dopo l’inaugurazione e l’entrata in esercizio della nuova barriera di Martellago-Scorzè sul Passante.

In realtà, era scritto da tempo che non appena il casello di Martellago sarebbe stato aperto, Spinea avrebbe dovuto togliere quel divieto in entrata e uscita dall’autostrada che aveva, per quanto poco, tamponato una situazione pericolosa di traffico per la viabilità ordinaria.

E in effetti gli enti gestori del Passante non hanno tardato a mettere in pratica i propositi messi nero su bianco. È bastata una semplice ordinanza e poi coprire con un adesivo verde i cartelli di divieto alla rotonda di viale Venezia: ora si può liberamente circolare, con qualsiasi mezzo, sull’arteria che porta all’imbocco del Passante.

È ancora presto per vedere gli effetti di questa novità. Il sindaco di Spinea Silvano Checchin aveva già detto di non potersi opporre agli accordi e che non necessariamente la novità sarebbe stata negativa per Spinea: «Il divieto aveva senso di esistere, e per questo ci siamo imposti in questi anni, in un sistema non ancora a pieno regime», aveva detto Checchin, «da luglio 2009 (quando è stato aperto il Passante, ndr), a oggi, Spinea era l’unico ingresso per tutto il Miranese. Chiaro che nel momento in cui questo presupposto viene meno decade anche il divieto a Crea, come da accordi».

Anche il sindaco di Mirano Maria Rosa Pavanello aveva auspicato che l’apertura del varco di Scorzè-Martellago potesse sollevare la città e il territorio da parte del traffico pesante di attraversamento, almeno per quanto riguarda i mezzi provenienti dalle zone industriali a nord del Comune, Salzano e Noale soprattutto.

Adesso non resta che attendere i primi dati. Per ora i Tir hanno ripreso a circolare un po’ più di prima in viale Venezia, prevalentemente da via della Costituzione, dove ora possono tranquillamente imboccare o uscire dalla A4 senza troppe deviazioni.

A Crea qualcuno sorride amaramente: «Dal taglio del nastro di Martellago alla cancellazione del divieto ai Tir a Spinea sono passati pochi giorni», osserva un residente di via Rossini, «ora finalmente il Passante è completo, i caselli tutti aperti e gli accordi rispettati. Quelli per il traffico. Quelli per le barriere e le mitigazioni invece li stiamo aspettando da anni e lì no, non c’è solerzia».

Filippo De Gaspari

 

SPINEA – Con 32 punti all’ordine del giorno, martedì la seduta del consiglio comunale non ha visto la fine prima delle 2 di notte. Tra i vari argomenti affrontati, è stato anche approvato il Documento unico di programmazione, illustrato nel dettaglio dall’assessore Emanuele Ditadi. Il Dup si compone di due sezioni: strategica e operativa.

La prima individua le principali scelte che caratterizzano il programma dell’amministrazione da realizzare nel corso del mandato amministrativo, quindi entro il 2019. Tra queste, si indicano in particolare scelte urbanistiche “sostenibili”, come la realizzazione di nuove aree verdi per dare continuità a ovest del parco Nuove Gemme e l’intenzione di riqualificare il tessuto edilizio esistente e di valorizzare il patrimonio delle Ville Venete. Previsto un forte impegno sul fronte “inquinamento” con l’incremento della raccolta differenziata e della mobilità dolce.

Tra i progetti, anche la realizzazione del sottopasso ciclopedonale Fossa, della pista ciclabile di via Luneo, del percorso ciclabile via Martiri e via Rimini e la messa in sicurezza di via Capitanio (tutte opere complementari al Passante). Si continua poi con la realizzazione di una nuova sede per il centro anziani al Villaggio dei Fiori e con l’inserimento di Spinea nella programmazione socio-sanitaria dell’Asl 13 come struttura intermedia (ospedale di comunità, hospice, unità riabilitativa territoriale). Nella programmazione sono previsti inoltre interventi in edifici scolastici e palestre, la manutenzione straordinaria della Ungaretti e la messa in sicurezza di tutti gli altri edifici scolastici.

(M.Fus)

 

Sette comuni assieme

MIRANO – Il Miranese cambia nome e con l’Expo diventa “Terra dei Tiepolo”. Presentato ieri a Mirano il nuovo marchio che contraddistinguerà il territorio dei sette comuni, soprattutto in ambito turistico. L’obiettivo è emergere come comprensorio, valorizzando peculiarità e ricchezze comuni, traendone beneficio economico.

Così i comuni di Martellago, Mirano, Noale, Salzano, S. Maria di Sala, Scorzè e Spinea hanno trovato nell’Expo l’occasione per mettersi insieme e costituire un territorio che parlerà una sola lingua. Missione possibile grazie, ed è questa la novità, alla collaborazione tra comuni, Pro loco e categorie: Associazione Artigiani, Cna, Confcommercio, Confesercenti, Confagricoltura, Coldiretti e Cia. A coordinare il progetto Giovanni Scapin e Roberto Gallorini, presidente della Pro Loco di Mirano.

Il progetto si chiamerà “I colori del gusto nella terra dei Tiepolo”, per identificare le caratteristiche del territorio più apprezzate in ambito turistico: l’arte e l’enogastronomia tipica.

Ma l’intenzione è andare ben oltre l’anno dell’Expo.

Comuni e associazioni hanno trovato nel nome della famiglia di pittori, che in questa terra vissero e produssero, in particolare Giambattista Tiepolo e il figlio Giandomenico, il “brand” adatto per comunicare all’esterno le particolarità del territorio e accaparrarsi una buona fetta dei flussi turistici che puntano a Venezia e al litorale. La Terra dei Tiepolo può offrire da sempre ville, itinerari, ristorazione, arte, cultura, manifestazioni. Mancava solo il modo di spenderli con un marchio e obiettivi comuni.

Per farlo è già pronta un guida tascabile che verrà diffusa attraverso tutti i canali turistici, anche fuori regione, messa online attraverso un portale e soprattutto una “app” per smartphone, per essere sempre a portata di mano e aggiornata con tutti gli appuntamenti.

Tra i primi in calendario a maggio, il passaggio del Giro d’Italia a S. Maria di Sala, Mirano e Spinea, con una settimana di festa che culminerà il 21 maggio, vigilia della “tappa dei Tiepolo”, con eventi a tema lungo il percorso della corsa rosa. In arrivo anche una rassegna enogastronomica che toccherà tutti i comuni, con cene di gala dal 28 maggio al 29 ottobre e mostre sulla terra dei Tiepolo. La chicca sarà la realizzazione di un cortometraggio sui luoghi del Miranese, con i ragazzi del posto.

Filippo De Gaspari

 

Gazzettino – Expo, il Miranese e’ gia’ pronto

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

apr

2015

MIRANO – Informazioni in più lingue e mappa dei percorsi ciclistici. I sindaci: «Lavoro d’assieme»

I sette Comuni hanno scelto il marchio “terra dei Tiepolo” e stanno per stampare una guida turistica

Una guida turistica, un’applicazione per i cellulari e, soprattutto, una ricca serie di eventi nei sette Comuni. Il Miranese presenta ufficialmente il proprio progetto turistico legato all’Expo e, per l’occasione, lancia anche il proprio marchio. L’intero comprensorio si chiamerà “Terra dei Tiepolo”, per rendere omaggio alla storica famiglia di pittori e al grande patrimonio artistico lasciato da Giambattista e dal figlio Giandomenico.

«Ci sarà anche una mostra apposita. In questo modo intendiamo identificare turisticamente quest’area, l’Expo sarà solo il punto di partenza», sostiene Roberto Gallorini, presidente delle Pro loco del Decumano. Il progetto si chiama “I colori del gusto nella Terra dei Tiepolo” ed è stato illustrato ieri mattina in Villa XXV Aprile a Mirano. Il coordinatore Giovanni Scapin punta forte sulla nuova guida del Miranese: «È una pubblicazione tascabile che permetterà di scoprire cultura, tradizioni ed eventi dei sette Comuni. Sarà accompagnata da una mappa con i percorsi cicloturistici, sarà distribuita in più lingue e visualizzabile anche tramite smartphone».

I sindaci di Mirano e Santa Maria di Sala, Maria Rosa Pavanello e Nicola Fragomeni, sottolineano il lavoro di gruppo: «La grande forza di questo progetto è quello di aver messo assieme tutto il territorio».

Lo step successivo sarà avviare un concreto legame turistico anche con la Riviera del Brenta.

Il piatto forte è quello degli eventi: si parte il 21 maggio con un appuntamento in Villa Farsetti a Santa Maria di Sala legato al Giro d’Italia, poi otto serate di una rassegna agroalimentare: il 28 maggio “Cena a dieci mani con l’asparago e il biso” a Villa Conestabile di Scorzé, il 19 giugno “Cena con i Tiepolo” in corte Errera a Mirano, il 17 luglio “A tavola in villa” a Villa Farsetti di Santa Maria di Sala, il 29 luglio ancora “Cena a dieci mani” alla Crosarona di Scorzé, il 4 settembre “I colori del cibo” al parco di Villa Simion di Spinea, il 18 settembre “A tavola in corte” alle Tre Lune di Noale, il 9 ottobre “A tavola con il Rosso di Treviso” a Cà della Nave di Martellago e infine il 19 ottobre “La zucca in Filanda” a Salzano.

Gabriele Pipia

 

SPINEA – Spinea si “gode” il suo Paes, il Piano per l’energia sostenibile: in due anni, ridotte del 24,24% le emissioni di anidride carbonica in atmosfera, nonostante la crescita della popolazione del 10%.

Un dato molto significativo, a cui guardano con curioso interesse anche i Comuni che hanno adottato il Paes dopo Spinea: il successo è dovuto per il 26% alla diminuzione delle emissioni nel comparto pubblico, per l’8% alla diminuzione del comparto residenziale privato e soprattutto alla drastica diminuzione delle emissioni relative ai trasporti, pari al 50%, anche se avvenuta su scala sovracomunale in conseguenza della crisi economica. Le emissioni procapite sono passate da 3,6 tonnellate per abitante a 2,7 tonnellate.

I dati sono stati presentati giovedì in seconda commissione, alla presenza dell’assessore all’Ambiente Stefania Busatta che afferma soddisfatta: «Sono risultati che ci dicono che siamo sulla strada giusta, anche se molto resta da fare. Il Paes ha consentito di avviare azioni concrete sotto il profilo dei lavori pubblici, dell’ambiente, di viabilità, urbanistica ed edilizia. Ora puntiamo a migliorare ancora».

(f.d.g.)

 

Gazzettino – Miranse. Treni in ritardo, nuove proteste

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

apr

2015

PENDOLARI INFURIATI

SALZANO – «Prima viene annunciato il ritardo di 10 minuti, poi di 15, infine di 20. Quando il treno parte con oltre 35 minuti di ritardo, viene annunciato che sarà limitato a Mestre anziché arrivare a Venezia. In compenso nessuno di noi aveva potuto organizzarsi diversamente. Ormai prendere un treno è un’impresa».

Nuovi malumori sulla linea Bassano-Venezia, una delle più tartassate del Veneto per quanto riguarda ritardi e soppressioni. Il periodo più nero è stato lo scorso autunno (ad ottobre i pendolari contarono 50 treni cancellati), ora la situazione è migliorata ma venerdì più di un pendolare è andato su tutte le furie. A farsi portavoce della protesta è una donna che attendeva il treno delle 9.08 alla stazione di Martellago, lamentele anche a Salzano e Spinea.

Intanto proprio i comitati di Salzano e Spinea continuano a chiedere più corse al mattino presto e alla sera. «Dopo l’incontro di novembre con dirigenti di Regione e Rfi non abbiamo più avuto riscontri», spiegano. Il trasporto pubblico regionale sarà uno dei temi caldi in campagna elettorale.

(g.pip.)

 

Martellago-Scorzè. Domani il taglio del nastro. Cav attacca l’Ugl per lo sciopero

MARTELLAGO – È tutto pronto per l’apertura domani del casello Martellago-Scorzè lungo il Passante. Il taglio del nastro è fissato per mezzogiorno, a ruota ci sarà il via libera ai veicoli. Previste le presenze del presidente della Regione Luca Zaia, di quello di Cav Tiziano Bembo, del condirettore generale di Anas Stefano Granati e dei sindaci Monica Barbiero (Martellago) e Giovanni Battista Mestriner (Scorzè).

L’aspetto che più interessa agli automobilisti è senza dubbio il pedaggio. Il casello, infatti, attrarrà veicoli non solo da Martellago e Scorzè ma pure dai vicini comuni di Noale, Trebaseleghe, Morgano, Zero Branco. Per restare in zona, la tratta Martellago-Spinea costerà 1,30 euro, Martellago-Preganziol 1,40 euro, Martellago-Padova Est 2,70 euro e Martellago-San Donà 3,70 euro.

Così dopo oltre due anni di cantiere, l’opera, a diamante rovesciato, è pronta e senza dubbio cambierà il modo di spostarsi nel comprensorio, che sullo stesso tracciato già conta il casello di Spinea.

«E’ un altro passo per terminare le opere complementari al Passante», mentre per Barbiero l’inaugurazione rappresenta, «un’opportunità per le imprese della zona e permette di allontanare il traffico di attraversamento della Castellana».

Il collega Mestriner chiede che si arrivi in fretta alla costruzione della complanarina che unirà il casello alla Moglianese. «Attendiamo fiduciosi», aggiunge «ma intanto, questo taglio del nastro, può essere importante anche per la promozione del territorio».

Nei giorni scorsi, l’Unione generale del lavoro (Ugl) del settore viabilità e logistica ha indetto uno sciopero proprio per domani per chiedere a Cav di convocare in fretta un incontro per aumentare l’organico.

«Siamo stupiti per questa proclamazione», si legge in una nota di Cav, «che interviene dopo tre giorni dalla convocazione fatta dall’azienda stessa a tutte le organizzazioni sindacali per il 9 aprile per proseguire il negoziato.La sorpresa», prosegue la nota, «per la “originale” scelta della data dell’effettuazione dello sciopero il giorno della inaugurazione di una importante struttura di completamento di una arteria che tanto ha significato per il territorio e per la viabilità di lunga percorrenza anche transnazionale. Nel merito solo una considerazione:», conclude Cav, «il confronto non è stato senza risposte tanto che è stato siglato da tutte le organizzazioni sindacali, in febbraio, l’accordo per il premio da corrispondere nel 2015 e si devono ora concordare criteri e modi per il 2016 e 2017».

Alessandro Ragazzo

 

Gazzettino – Spinea, il casello apre ai Tir

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

31

mar

2015

Lo ha annunciato la Cav con una lettera inviata ai sindaci del Miranese

Il sindaco Checchin: «Speriamo che l’aumento del traffico pesante sia limitato»

In concomitanza con l’apertura del nuovo casello Martellago-Scorzé, il casello di Spinea sarà aperto anche ai camion. L’ha comunicato la società autostradale Cav con una lettera inviata nei giorni scorsi ai sindaci del Miranese: «Contestualmente all’apertura al traffico della nuova stazione – si legge – al casello di Spinea si procederà alla rimozione del divieto di transito dei mezzi superiori alle 7.5 tonnellate».

Se fino ad oggi i camionisti sono costretti ad utilizzare il casello di Vetrego (uscita «Mirano-Dolo»), da domani potranno servirsi anche del casello di Crea (uscita «Spinea»).

Una buona notizia per chi è diretto a Spinea ma anche per chi raggiunge l’area industriale miranese di via Taglio, visto che potrà accorciare nettamente il proprio tragitto. Anche Confindustria nei mesi scorsi aveva invocato a gran voce questa soluzione.

Attualmente i tir utilizzano solo il casello di Mirano, ma anche qui i disagi per i camionisti non mancano: i tir che escono dall’autostrada non possono procedere dritti lungo via Porara, sono costretti a girare a sinistra verso la Riviera per poi reimmettersi nella camionabile viale Venezia. Un percorso allungato di una decina di chilometri che fa perdere tempo e sprecare benzina.

«Per togliere il divieto in via Porara andrebbe rifatto il fondo che in un tratto è distrutto e non può sopportare ulteriore traffico – ha però spiegato il sindaco di Mirano Maria Rosa Pavanello -. L’intervento costa un milione di euro e deve essere a carico di Anas».

Con l’apertura ai tir del casello di Spinea, intanto, il traffico pesante sarà distribuito tra due caselli anziché intasarne solamente uno.

«In tutti questi anni il nostro casello è stato chiuso ai tir perché così prevedeva l’accordo con Veneto Strade – precisa il sindaco di Spinea, Silvano Checchin -. Aprirlo prima avrebbe significato impattare troppo sulla viabilità locale. Preoccupazione per l’aumento di traffico pesante? Speriamo che con l’apertura del nuovo casello il traffico si distribuisca equamente».

 

AGITAZIONE – Domani inaugurazione con sciopero per il casello di Martellago-Scorzè

MARTELLAGO – Inaugurazione con sciopero, domani, per il casello di Martellago-Scorzè, e intanto Cav dà qualche anticipazione sui pedaggi, che pubblicherà nel suo sito mercoledì: per un’auto andare da Martellago a Spinea costerà 1,30 euro; a Padova Est 2,70; a Preganziol 1,40; a San Donà 3,70.

Ma la Ugl Viabilità e Logistica ha proclamato 4 ore di sciopero alla fine di ogni turno (2-6, 10-14, 18-22) su tutta la rete Cav, proprio in occasione dell’apertura dell’ultima stazione che mancava del Passante e della nuova viabilità di adduzione.

Il maggior sindacato dell’esattoria è in stato di agitazione contro la società per il mancato rinnovo dell’integrativo e «perché vogliono togliere personale dai caselli.

Pure a Martellago la presenza di un esattore in ognuna delle due stazioni è assicurato solo per tre mesi, poi ne resterà solo uno per entrambe» spiega Stefano Gusson, della Ugl. Che sta valutando se attuare durante la cerimonia anche una manifestazione di protesta.

Cav, da parte sua, si dice stupita per l’originale scelta di scioperare non «il solito venerdì ma il giorno dell’inaugurazione di un’importante struttura di completamento di un’arteria che tanto ha significato per il territorio» e «tre giorni dopo la convocazione del tavolo con le organizzazioni sindacali per proseguire il negoziato».

Risultato, a Martellago domani il pedaggio si pagherà comunque, il casello è a elevata automazione, ma niente esattori a presidiarlo e a rispondere alle emergenze.

(N.Der.)

 

SPINEA – A Spinea, quest’anno, si proverà con la danza della pioggia. È ancora su qualche temporale in più che fa affidamento il comitato «Difesa Ambiente e Territorio» di Spinea che ieri ha commentato i dati sullo smog rilevati dalla centralina Arpav.

La settimana scorsa, infatti, è stata superata la soglia di legge di 35 giorni annuali di sforamento dei livelli di Pm10, che come spiega il comitato, rappresenta «quel bonus previsto dalla normativa in materia di inquinamento che, una volta superato, rende la città “fuorilegge” sullo smog».

Il 35esimo giorno è scattato il 24 marzo, martedì scorso, alla stazione di rilevamento di via Roma, che analizza la presenza di polveri sottili in una zona in cui il traffico supera i 10 mila veicoli al giorno (52 microgrammi di concentrazioni di Pmi 10 per metro cubo su un limite di 50). Solo due giorni più tardi rispetto al 2014, quando «il semaforo rosso» è scattato il 22 marzo.

«Notizia non proprio positiva per Spinea, considerando che il 2014 era stato un anno eccezionalmente negativo per lo smog e che solo grazie alle particolarissime condizioni climatiche e dei livelli record di pioggia non ha sfiorato la drammaticità» spiegano dalle pagine del blog del comitato.

Il Veneto è uno dei territori con maggiore inquinamento atmosferico a causa dell’alta concentrazione di traffico, attività produttive e di popolazione. E con 65 superamenti, lo scorso anno Spinea è risultata la terza città più inquinata della regione, tenendosi alle spalle anche una grande città come Padova. Il Comune è intervenuto con provvedimenti di limitazione del traffico e di contenimento delle temperature negli edifici pubblici e privati che resteranno validi fino al 30 aprile 2015.

(M.Fus.)

 

Pagina 1 di 3512345...102030...Ultima »

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui