Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SOTTO ACCUSA – L’ospedale di Dolo

Macchinari non acquistati, corsi di aggiornamento interni bloccati, cronica mancanza di posti letto, tempi dattesa lunghissimi e un centro di assistenza per malati terminali sempre promesso e mai realizzato.

La situazione dell’ospedale di Dolo, nelle parole dell’ex dirigente Vincenzo D’Agostino, sono tutt’altro che confortanti. «I problemi della salute – attacca D’Agostino – non possono essere affrontati in modo ragionieristico, come sta avvenendo da tempo». Nel mirino le strumentazioni:

«Veritas ha fatto una donazione di 10 mila euro per l’acquisto di un impedenziometro, ma non è mai stato acquistato. Così come la Cardiologia dolese non ha ancora un ecografo compatto, che sarebbe di grande ausilio per far fronte a determinate esigenze di portabilità».

C’è anche il problema delle liste d’attesa: «Per un ecocardiogramma si va a dicembre, per oculistica a giugno 2013 e reumatologia a gennaio 2013. Mentre risultano chiuse le liste di Endocrinologia e Dermatologia». A Mirano, però, non se la passano meglio: «Sono costretti ad inviare i tessuti da esaminare istologicamente a Dolo, perché non hanno i macchinari adeguati. Il tutto con il paziente in sala operatoria, in attesa dell’esito».

Ma D’Agostino tocca anche il problema del Pronto soccorso: «Dove permane un primario “a scavalco”. Infatti, il dirigente sanitario a presidio pare non avesse i titoli per ricoprire quell’incarico ed è stato nuovamente assegnato al Dipartimento di Cardiologia».       Anche Ortopedia, uno dei fiori all’occhiello della struttura rivierasca, rischia di perdere pezzi: «I dottori Armato e Majoni vanno in pensione. Mentre il primo è stato riconfermato con un incarico di sumaista a 25 ore, il secondo non ha avuto nulla.

Fare questa politica di risparmio è una visione miope. Serve intervenire nel taglio di spese insostenibili, come la Cardiochirurgia di Mirano, che costa due milioni e 800 mila euro all’anno quando non ha neppure il bacino sufficiente al suo mantenimento».

D’Agostino, quindi, auspica una presa di posizione da parte dei sindaci: «I cittadini devono essere pronti a scendere in piazza per salvare il loro ospedale».

Gianluigi Dal Corso

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui