Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Martellago. Casello, ancora polemiche

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

17

ago

2012

Martellago. Casello, ancora polemiche

Il Comitato pro Complanare non demorde e rilancia l’appello per adesioni al ricorso al Tar contro il progetto del nuovo casello di Martellago-Scorzè e della viabilità di adduzione. «Il 28 maggio il Commissario Vernizzi ha firmato il decreto che approva il progetto definitivo. Decreto e nuovo progetto, accuratamente deposti nel fondo di qualche cassetto e non ancora pubblicati, hanno però dato il via alle notifiche dei provvedimenti di occupazione d’urgenza e di esproprio dei terreni interessati all’opera» scrive il Comitato in un volantino diffuso ai cittadini. «Le tavole del progetto, che abbiamo rintracciato fortuitamente, evidenziano le sostanziali modifiche rispetto al progetto precedente volute dai sindaci dei due comuni» aggiunge il Comitato, che cita le quattro nuove rotonde lungo la nuova circonvallazione nord, alla intersezione con via Morosini, San Paolo, Ponte Nuovo e Cà Nove, «quest’ultima dalle dimensioni enormi, come quella di accesso al casello est del Passante», e il tracciato della nuova bretella Moglianese-casello. «Le modifiche fanno aumentare il modo rilevante l’impatto dell’opera sul territorio e sulla viabilità e incidono in modo ancor più grave su molti edifici che vengono a trovarsi ancora più vicini al tracciato delle rotatorie (vedi il Mulino Vidali vicino alla rotonda di via Cà Nove) e della strada di collegamento con la Moglianese» accusa il Comitato. Che ricorda ai cittadini, in primis quelli interessati agli espropri, «che è ancora possibile il ricorso al Tar per chiedere l’annullamento del decreto di approvazione del progetto definitivo». Il Comitato ricorda poi a tutti gli espropriati «che entro trenta giorni dalle immissioni in possesso dei fondi, comunicata agli interessati a fine luglio, è possibile comunicare il rifiuto dell’indennità proposta e poi richiederne una più equa o fare ricorso contro l’esproprio». Il Comitato invita dunque i cittadini interessati a sostenere il ricorso al Tar o a fare opposizione all’esproprio o all’indennizzo a contattare il 328/1003419 o a scrivere a complanare@gmail.com. (N.Der.)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui