Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mira, Scoperta un’altra discarica di eternit

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

ago

2012

MIRA – Sopralluogo dei Ranger d’Italia a Dogaletto: il materiale a rischio vicino a una casa abbandonata. Presentato un esposto alla Procura della Repubblica.

«Sostanza pericolosa se dispersa nell’aria»

Ancora discariche abusive di eternit lungo i terreni agricoli in laguna a Mira scoperti dai Ranger D’Italia nucleo operativo ambientale. L’abbandono indiscriminato di rifiuti pericolosi a Mira lungo le aree attorno all’idrovia o verso la laguna non sembra avere fine nonostante il pericolo di sanzioni molto severe. Nei giorni scorsi i Ranger d’Italia guidati dal capo delegazione Davide Formentello durante un sopralluogo hanno individuato a Dogaletto di Mira, dalla parte dell’Argine Sinistro all’interno di una vecchia casa di contadini ormai diroccata ed abbandonata da molti anni, una discarica a cielo aperto contenente vari materiali di risulta tra cui, si suppone, dele lastre di eternit, ovvero materiali in fibra di cemento contenete amianto.

«Il sito circondato da terreni coltivati – spiegano i Ranger – si estende su un’area di circa 15 mq circa e comprende alcune lastre anche rotte a pezzi presumibilmente di fibra cemento ondulato. Sostanza molto pericolosa che, se ridotta in polvere e dispersa nell’aria, potrebbe essere letale per i polmoni delle persone che la inalano».

I Ranger oltre ad un riscontro fotografico hanno presentato un esposto – denuncia alla Procura delle Repubblica invitando gli enti competenti a circoscrivere la zona con delle reti metalliche per evitare che le persone vengano a contatto con i materiali pericolosi. Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui