Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – «Biomasse, cosi’ non va»

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

ago

2012

PORTOGRUARO – L’assessore all’Ambiente, Ivo Simonella, critica la recente delibera regionale

Non si sarebbe tenuto conto dell’impatto cumulativo delle centrali

Ivo Simonella contesta la delibera regionale sull’ubicazione delle centrali a biomasse

Solo nelle zone Doc non si possono costruire nuovi impianti

«Ancora una volta la Regione ha ignorato gli impatti cumulativi generati dalle centrali a biomasse». La recente delibera regionale che individua aree e siti non idonei alla costruzione e all’esercizio di impianti alimentati da biomasse, da biogas e per la produzione di biometano non ha convinto l’assessore all’Ambiente del Comune di Portogruaro, Ivo Simonella. Se è vero infatti che la delibera di giunta individua tra le aree non idonee ad ospitare questi impianti quelle agricole interessate da produzioni Doc come lo sono alcune zone del Portogruarese, è altrettanto vero che nel documento approvato non viene citato un parametro, che il decreto ministeriale da cui discende la delibera consentiva invece di valutare: l’elevata concentrazione di impianti di produzione di energia e l’interazione con altri piani e progetti. «Ritengo questo – ha detto l’assessore Simonella – un fatto gravissimo perché così facendo si continua a non tener conto delle ricadute sulla salute che più impianti vicini possono creare e si continuerà a valutare i progetti uno per uno senza esaminare gli impatti cumulativi generati, ignorando così anche le posizioni espresse più volte in questo senso dal consiglio comunale di Portogruaro, oltre alle preoccupazioni manifestate da tanti cittadini. Nel Portogruarese – ha aggiunto – questa delibera arriva in ogni caso quando i buoi sono scappati. Ma non si potrà comunque restare tranquilli neanche per il futuro, dato che con questo atto la Regione consente ancora che vaste aree del nostro territorio siano idonee ad ospitare nuovi impianti».    Teresa Infanti

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui