Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARTELLAGO. Incassato l’appoggio del Movimento 5 stelle e dell’Italia dei Valori di Mirano, oggi il comitato Pro complanare di Martellago sarà in piazza Bertati per rendere pubbliche le proprie proposte relative alla viabilità e al casello di Martellago-Scorzè.             «L’appoggio delle forze politiche», afferma il rappresentante Renato Anoè, «sono un risultato importante che testimonia la ragionevolezza e l’attendibilità delle osservazioni e delle critiche al progetto e anche la validità delle proposte alternative che abbiamo elaborato».            Il comitato sarà in piazza a Martellago oggi dalle 9 alle 11 per presentare ai cittadini le tavole del progetto definitivo del casello e illustrare le modifiche apportate nell’ultima revisione voluta dai sindaci di Martellago e Scorzè. Si tratta delle rotatorie al posto dei sottopassi su via Ca’ Nove e via Morosini, della modifica della rotatoria su via Castellana e della nuova bretella dal casello alla Moglianese tra via Mezzaluna e il Passante.               «Il progetto definitivo non riduce l’impatto dell’opera sul territorio, sul paesaggio e sull’ambiente, semmai aumenta quello sulla viabilità locale e sui residenti», denuncia il comitato, che con l’iniziativa di oggi punta a raggruppare attorno a sé forze politiche, associazioni di tutela ambientale, comitati e i cittadini espropriati, costituendo un fronte d’opposizione alla realizzazione del casello previsto dal progetto. L’obiettivo è anche quello di presentare un ricorso al Tar che il comitato sta già predisponendo con l’aiuto di alcuni legali.             «Rinnoviamo la richiesta ai sindaci Brunello e Mestriner, alla Provincia e alla Regione», conclude il comitato, «perché sia rivisto il progetto approvato e il casello venga realizzato con dimensioni più contenute, collegato con la rotatoria Arzeroni presso l’ospedale di Mestre, sul tracciato già previsto per la Supercastellana e senza incroci con la viabilità locale. Nel frattempo restiamo a disposizione dei cittadini che volessero presentare ricorsi ai provvedimenti di notifica di “occupazione d’urgenza” notificati in questi giorni dal Passante di Mestre». (f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui