Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Necessaria la disinfestazione”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

5

set

2012

Di Giovannantonio lancia l’allerta: «I sistemi di difesa ci sono e vanno applicati»

MIRANO. «Tranquilli, ma vigili». Suona pressappoco così l’allarme lanciato da Gennaro Di Giovannantonio dopo la scoperta del primo caso sicuramente autoctono di febbre del Nilo nella nostra regione dall’inizio dell’anno.

«La provincia di Venezia e il Veneto in generale si confermano zone endemiche, sono cioè un serbatoio virale per questo tipo di malattia», spiega l’esperto, «Attualmente la Wnd colpisce in modo grave solo nell’1 % dei casi, ma la sua incidenza è destinata a crescere, favorita anche dai cambiamenti climatici. Non c’è alcun allarmismo da fare, ma è necessaria un’urgente e sistematica opera di disinfestazione».

Di Giovannantonio chiama in causa le autorità sanitarie incaricate della sorveglianza e della profilassi in questi casi, ma soprattutto i sindaci: «Sono i comuni a doversi muovere per primi: è necessaria un’intensa opera di disinfestazione del territorio. Niente di più di quello che si fa già per combattere ad esempio la zanzara tigre, come la disinfestazione di caditoie e fossati e la distribuzione di pastiglie larvicide ai privati. Il problema è che non tutti lo fanno e nemmeno la totalità dei comuni ha messo in campo le attività minime utili a fronteggiare il problema». Un appello che Di Giovannantonio estende anche ai responsabili di condominio e ai proprietari di giardini privati. L’Asl 13, dove è stato riscontrato il caso, ha già divulgato da un mese un decalogo che prevede precauzioni simili a quelle per la zanzara tigre: sfalci dell’erba, pulizia di fossati e scoli, eliminazione di ristagni d’acqua in terrazzi, giardini e orti e applicazione di prodotti contro la crescita di larve. «Dobbiamo renderci conto», conclude Di Giovannantonio, «che siamo di fronte all’ennesima patologia ambientale in un territorio come il nostro, già così fortemente penalizzato da centinaia di inquinanti persistenti con effetti sanitari anche irreversibili». (f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui