Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

La terza e nuova pista dell’aeroporto Marco Polo di Tessera taglierebbe, con un nastro di cemento e con nuove infrastrutture che finirebbero per interferire con il progetto del «Quadrante di Tessera» già concordato da Enrico Marchi con i comuni interessati , una notevole fetta di territorio, compresa tra Mestre, Marcon e Quarto d’Altino. Si tratta, infatti, di un’area attraversata dal fiume Dese (che secondo il progetto di Save dovrebbe essere completamente intubato e coperto) e si affaccia sul Parco Archeologico di Altino, la città romana con meravigliosi mosaici ancora integri dell’antica pavimentazione. Il progetto della terza pista presentato da Save ha già avuto l’autorizzazione dell’Ente nazionale per l’aviazione civile che prevede la sua realizzazione entro il 2030. Il tutto potrà quindi essere imposto alle amministrazioni comunali interessate il cui parere, negativo, conta poco o nulla.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui