Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARGHERA. Una pattuglia di agenti del Nucleo Operativo Ambientale dell’associazione nazionale rangers d’Italia venerdì scorso hanno eseguito una serie di controlli a Marghera e in via Padana hanno scoperto, a bordo strada, vicino alla rotatoria Marghera, una discarica a cielo aperto. Il sito si estende su un’area verde di 4 metri quadri e comprende quattro lastre in parte rotte di fibro cemento ondulato che potrebbe contenere tracce di amianto. I rangers hanno fotografato i rifiuti abbandonati e delimitato l’area con del nastro bianco-rosso per tenere lontane le persone e hanno affisso anche cartelli con la data del ritrovamento e l’avviso di pericolo.

«Sicuramente il materiale è stato scaricato di sera visto che in quella zona dopo una certa ora il traffico in via Padana provenendo dalla rotonda di Marghera diminuisce», si legge nel rapporto degli operatori del Nucleo ambientale che torneranno a fare sopralluoghi nei prossimi giorni e hanno anche segnalato alle autorità il ritrovamento. Pare comunque difficile risalire all’autore dell’abbandono delle lastre. Una segnalazione è quindi partita per informare sia l’Arpav, l’agenzia veneziana per l’ambiente, che l’assessorato all’Ambiente del Comune di Venezia.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui