Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

E Martellago rilancia: ridurre la rotatoria su via Ca’ Nove

Gli impegni e le opere complementari del nuovo casello concordati con Vernizzi sono confermati e per fine anno via alle ruspe. I sindaci di Martellago, Brunello, e Scorzè, Mestriner, sono usciti soddisfatti dall’incontro di ieri con Eutimio Mucilli, capo compartimento Anas Veneto, che a luglio, «cessato» Vernizzi da Commissario al Passante, ha ereditato la competenza sull’opera.
Un faccia a faccia chiesto dai per «riprendere i contatti operativi con il nuovo interlocutore» spiega Mestriner, e per avere lumi su modalità e tempi dell’opera e sul progetto esecutivo elaborato da Pdm, dove mancano alcuni punti concertati dai due Comuni con il Commissario nell’accordo di febbraio: la mitigazione ambientale aggiuntiva verso Cappella e via Mezzaluna e la complanarina Moglianese-casello.
«Mucilli ci ha garantito che anche questi, come tutti gli impegni assunti dal Commissario, sono confermati, e lo metterà nero su bianco. Mitigazione e complanarina sono nel progetto definitivo e con il costo previsto (2,5 e 2,7 milioni), ma essendo state aggiunte in extremis senza essere oggetto, come il resto, dell’avvio di procedimento per gli espropri, non sono state inserite nel progetto esecutivo per non rallentarlo, cosa che s’è potuta fare con le rotonde in più sulla tangenziale nord, che non comportano grosse modifiche. Seguiranno comunque un iter a parte, anche se più lungo, e saranno in Legge Obiettivo», aggiunge Brunello. «Il prossimo passo sarà specificare crono programma dei lavori e procedure: al casello andrà »attaccata” anche la complanarina e la mitigazione” chiarisce Mestriner che, come Brunello, ha ribadito la richiesta che tutto il «pacchetto» sia realizzato in contemporanea.
Intanto, le bonifiche belliche sono iniziate: per fine anno, come previsto, dovrebbero scattare i lavori. La prossima settimana i due sindaci incontreranno di nuovo Mucilli, e ci sarà anche Vernizzi, per entrare nel vivo di alcune questioni di tempistica (le immissioni in possesso dei terreni lungo la tangenziale nord vanno più a rilento) e tecniche: Brunello chiederà di ridurre l’enorme rotatoria su via Ca’ Nove.

Nicola De Rossi

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui