Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Citta’ della Moda, Il cantiere dimenticato

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

ott

2012

FIESSO –  Protestano i residenti di via Piove dove sorgerà la “Città della moda”

«Area abbandonata da tempo, la zona non è più in sicurezza»

FIESSO D’ARTICO – «Nonostante le rassicurazioni avute, anche a mezzo stampa, dall’assessore provinciale Emanuele Prataviera, la situazione di via Piove, in prossimità del cantiere dove dovrebbe sorgere la Città della Moda, è rimasta problematicamente immutata». È questo in estrema sintesi il ragionamento di Orlando Masiero, un residente della zona, che lo scorso aprile aveva preso carta e penna ed aveva scritto all’assessore provinciale alla Viabilità, per informarlo delle condizioni di poca sicurezza dell’area prospiciente il cantiere di via Piove. In particolare, Masiero sottolineava come

«il cantiere non sia più in attività da tempo e che l’impresa costruttrice è sparita, togliendo anche i cartelloni obbligatori che indicavano i lavori di cui alla licenza ad edificare». Rilanciando: «Le recinzioni che proteggevano il cantiere sono rimaste prive di segnaletica che ne anticipavano la presenza e prive di lampade notturne. Così da creare un muro e togliendo spazio a pedoni e ciclisti , che rischiano d’essere investiti, in quanto costretti ad uno scarto verso il centro della carreggiata di una strada particolarmente trafficata, anche da mezzi pesanti». Masiero chiedeva un arretramento di cinquanta centimetri di queste protezioni per mettere in sicurezza e dare maggiore tranquillità a chi la percorre a piedi o in bicicletta, magari sistemando le sconnessioni. «Ad oggi- rilancia Masiero- nonostante la risposta dell’assessore, nulla è stato fatto. Anzi la situazione è in via di peggioramento per l’arrivo della stagione invernale che porta pioggia, buio e un piano di calpestio/rotolamento con minore grip. Inoltre c’è da rilevare che su questo tratto di strada passano numerosi bambini ed adulti a piedi e non esiste nessun passaggio pedonale».

(G.Dco.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui