Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Caccia in deroga, tutto ancora sospeso

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

ott

2012

REGIONE VENETO

VENEZIA – Giudizio sospeso sulla caccia in deroga: prima di decidere sulla delibera di Giunta che autorizzerebbe, anche se in forma più prudente e limitata, la caccia a quattro specie volatili ‘in deroga’ alle direttive europee, la commissione Agricoltura e Caccia del Consiglio veneto, presieduta da Davide Bendinelli (Pdl), ha preso tempo. In particolare ha chiesto all’Avvocatura della Regione un parere per valutare «eventuali responsabilità civili e penali» che deriverebbero dall’approvazione di tale norma, «anche in relazione con la sentenza di condanna già pronunciata nel 2010 dalla Corte di giustizia europea».
Prudenza assoluta, quindi, da parte della commissione di palazzo Ferro-Fini rispetto alla proposta, illustrata dall’assessore regionale Daniele Stival che prevederebbe per la stagione venatoria in corso la possibilità di cacciare quattro volatili – storno, fringuello, peppola e pispola – in deroga ai divieti dell’Unione Europea. Nonostante le riduzioni introdotte quest’anno sul numero di specie cacciabili, da 6 a 4 e sul sistema di segnatura e monitoraggio dei prelievi, la commissione ha preso atto del contenzioso in atto con l’Ue e del rischio di incorrere in sanzioni pecuniarie. I primi a frenare sono stati i consiglieri della Lega Nord che, col vicecapogruppo Paolo Tosato, hanno proposto di dare «un sì condizionato» al provvedimento della Giunta, verificando prima la sussistenza effettiva del rischio sanzioni.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui