Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

sanità pubblica

MIRANO. Mirano e Dolo ancora una volta in basso nella speciale classifica delle Asl venete, dopo la pubblicazione del nuovo riparto regionale del fondo sanitario. È sufficiente per riaccendere la polemica sul sottofinanziamento cronico dell’Asl 13.

«Ci troviamo ancora una volta ultimi per quota procapite, con 1.500 euro contro una media regionale di 1.594 euro: su una popolazione di 270.744 residenti sono 43 milioni di minor finanziamento»,

rileva Aldo Tonolo del comitato Salvioli. Trovare i paragoni non è poi così difficile in una ripartizione che penalizza oltremodo le aziende piccole e virtuose come Mirano-Dolo e aiuta quelle indebitate.

«Il direttore generale», prosegue Tonolo, «dovrà continuare a gestire tre ospedali con un’alta specialità come Cardiochirurgia e una media specialità di eccellenza come Cardiologia interventistica, che opera su area vasta 24 ore su 24 e nell’ambito della rete Infarto regionale, con un finanziamento per quota capitaria pari all’Asl 15 di Cittadella, che non dispone di queste dotazioni né ha i relativi costi. Inutile dire la nostra profonda delusione per questo ingiusto riparto che rende la nostra Ulss la più produttiva e la più virtuosa del Veneto, ma nonostante questi primati è ancora una volta punita nel finanziamento che provocherà inevitabilmente il ridimensionamento dei servizi ai cittadini». Resta dunque l’allarme: «Restiamo condannati a una aurea mediocritas e non al premio che spetta ai virtuosi: errore o scelta politica di questa giunta regionale?» si chiede il comitato Salvioli, «Tutto ciò mentre assistiamo a sprechi a non finire nell’Asl 12, con un procapite di ben 1.811 euro e su un ulteriore finanziamento per il continuo disavanzo».

(f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui