Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

L’associazione Opzione Zero protesta: piani acque non coordinati tra comuni e argini senza manutenzione

«A un mese dal secondo anniversario dell’alluvione, che a novembre 2010 ha disastrato il Veneto, vale la pena di chiedersi che cosa si stia facendo concretamente per tutelare il territorio».
A sollevare la questione è «OpzioneZero», l’associazione dei comitati a tutela del territorio. «Che fine ha fatto – chiedono Rebecca Rovoletto, Lisa Cusin e Mattia Donadel- lo studio di fattibilità sull’idrovia, potenzialmente utile sia in chiave idraulica che trasportistica, commissionato dalla Regione lo scorso 27 aprile con una spesa di 160mila euro di soldi pubblici?». L’associazione rilancia la necessità di un coordinamento molto stretto tra i vari enti, che affronti il complesso di interventi necessari a mettere in sicurezza idraulica tutto il territorio del medio basso bacino del Brenta-Bachiglione. Per questo chiede ai Comuni della Riviera, specie a Mira, che ha già dimostrato una grande sensibilità sulle questioni ambientali e territoriali, di farsi carico presso la Regione affinché venga convocata immediatamente una Conferenza di servizi. «L’emergenza si non risolve con piani acque di singoli comuni o trascurando il grave problema della mancanza di manutenzione di argini e invasi, ma va affrontato nel suo complesso in modo approfondito e a scala di bacino. Per Opzione Zero c’è bisogno, infatti, di un coordinamento molto stretto tra i vari enti». (G.D.C)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui