Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Corriere della Sera – Project a Dolo: Pd e Cgil frenano

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

ott

2012

Uls 13 Il sindacato però mette l’altolà all’austerity imposta all’azienda del mirese

MIRANO – «I tagli della spending review sanitaria portano solo a un impoverimento generale dell’offerta». La Cgil funzione pubblica non condivide la politica di austerity sulle aziende sanitarie e in particolare il destino riservato all’Usl 13 di Miranese e Riviera del Brenta. «Noi siamo sempre stati disponibili a veri e qualificati processi di riorganizzazione – spiega Marco Busato di Cgil Fp – che hanno perseguito il miglioramento dell’efficienza, dell’efficacia e della qualità dei servizi pubblici». In questo momento delicato, in cui si sta trattando l’attuazione del piano socio sanitario, la Cgil annuncia battaglia per un finanziamento adeguato all’Usl 13. «Ci sentiamo di proporre a tutti gli interlocutori – continua Busato – di mettere da parte i localismi cercando di essere protagonisti attivi delle scelte che investiranno gli ospedali di Noale, Dolo e Mirano». «Chiediamo – continua – come avevamo già proposto attraverso una conferenza territoriale, di verificare le convergenze, le prospettive e le scelte operative che saranno contenute nelle schede». Sulla questione relativa alla proposta presentata da una cordata di imprenditori, di realizzare il nuovo monoblocco dell’ospedale di Dolo in project financing e già bocciata dalla Regione, Busato aspetta prima di esprimere un commento. «Sapevamo della proposta, ma non ho ancora visto niente su carta. Aspetto di vedere il progetto prima di esprimermi». Dalla politica, invece, arriva il plauso al “no” della regione di Gabriele Scaramuzza, consigliere comunale del Partito democratico a Venezia: «Il Pd si è sempre detto contrario ai business sulle strutture ospedaliere. Fa piacere che il segretario della sanità Mantoan abbia confermato il nostro giudizio. A Dolo c’è già un progetto per ristrutturare pronto soccorso, sale operatorie e rianimazione. Si dia attuazione a quello il più presto possibile».
D.Tam.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui