Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Jesolo, Caccia, multa a Stefanel

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 1 Comment

21

ott

2012

JESOLO – Controlli nella tenuta dell’imprenditore a Valle Dragojesolo

La polizia provinciale sanziona l’industriale tessile per le munizioni non in regola

Pallini di piombo vietati nelle zone a protezione speciale

Apertura della stagione venatoria con multa per Giuseppe Stefanel. L’industriale tessile, a capo dell’omonima casa di moda, non ha potuto fare altro che aprire il portafoglio e pagare la sanzione che gli è stata data dagli inflessibili agenti di Polizia Provinciale. Un errore di pallini, ma gli agenti non ci hanno pensato due volte, anche se in quel momento Stefanel si trovava “a casa sua”.
La battuta di caccia si stava svolgendo a Valle Dragojesolo, prestigiosa azienda faunistica venatoria di proprietà di Stefanel: un luogo splendido che ha ospitato, tra gli altri, anche il re di Spagna Juan Carlos, ma anche rigorosamente tutelata, perché méta di numerose specie di uccelli migratori. Valle Dragojesolo rientra infatti tra le cosiddette Zone di Protezione Speciale (Zps) dove la caccia è consentita, ma solo nel rispetto di alcune importanti restrizioni, che aiutano a proteggere gli animali e il loro habitat.
L’industriale trevigiano è stato multato perché trovato in possesso di alcune munizioni con pallini di piombo, il cui utilizzo è vietato nelle Zps. I pallini di piombo sono proibiti perché considerati potenzialmente inquinanti e, per non infrangere le regole, i cacciatori sono tenuti ad usare delle cartucce caricate con pallini diversi dal piombo, magari in acciaio. Una piccola disavventura venatoria che è costata a Stefanel circa 50 euro, l’importo della multa, ma che conferma l’intransigenza degli agenti di Polizia Provinciale che, a quanto pare, non fanno sconti a nessuno quando si tratta di far rispettare le leggi in materia di caccia e difesa ambientale.
Da una prima ricostruzione della vicenda, ci risulta però che la colpa non sia di Stefanel, ma di chi gli ha preparato il fucile con cui andare a caccia, consegnandogli munizioni che contengono pallini di piombo, anziché quelli caricati con tondini d’acciaio. Un errore dovuto forse a distrazione, ma, a quanto pare, con i pallini non si scherza.

 

  1. 1 Comment

    • Ciro says:

      Ho assistito a uno sterminio di anatre e di altri uccelli! Sarebbe ora di vietare la caccia in laguna e nelle valli (dragoieolo):LA AVIFAUNA E’ PATRIMONIO UNIVERSALE,NON DI POCHI DANAROSI CHE SI PERMETTONO DI UCCIDERE PER DIVERTIMENTO.

Rispondi a Ciro Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui