Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Tribuna di Treviso – Vedelago, Quaggiotto resta sindaco

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

ott

2012

Il consiglio provinciale della Lega deciderà il 5 novembre sull’espulsione del primo cittadino. L’Udc: «A casa subito»

VEDELAGO. Nonostante l’imminente espulsione dalla Lega, il sindaco Paolo Quaggiotto rimarrà in carica. È questa l’indicazione data dalla segreteria provinciale del Carroccio all’indomani dello scoppio del caso riguardante il primo cittadino vedelaghese. Ieri il segretario Giorgio Granello ha confermato quanto trapelato. L’espulsione di Quaggiotto avverrà a brevissimo. Il provvedimento sarà sottoposto all’esame del consiglio provinciale del partito il 5 novembre. Successivamente dovrà essere ratificato dall’organo federale di garanzia. La motivazione ufficiale dell’espulsione sta nel nodo Ici. Il caso era scoppiato a marzo. L’Ufficio Tributi del Comune di Vedelago infatti aveva inviato all’ “Immobiliare Quaggiotto” (ditta di cui il primo cittadino è socio) un accertamento per non aver pagato l’Ici per gli anni 2008 e 2009 per alcune decine di migliaia di euro. Comportamento non accettabile per un primo cittadino. «Comprendo il dramma delle aziende, in particolare in ambito immobiliare», ha detto ieri Granello, «e capisco l’aspetto umano e contingente di una situazione drammatica. Credo che se ne avesse avute le possibilità l’imposta l’avrebbe pagata. Ma una persona che riveste la carica di sindaco deve sapere fino a dove può spingersi con i propri comportamenti e non è ammissibile che sia lui a non pagare quella Imu la cui aliquota era stata peraltro appena aumentata». Per ora Quaggiotto è stato sospeso, il 5 novembre si saprà se sarà espulso definitivamente. La poltrona di sindaco tuttavia non è a rischio almeno per ora. L’indicazione data dai vertici del Carroccio ai componenti leghisti della maggioranza che sostiene Quaggiotto è di non sfiduciarlo e di sostenere la sua giunta fino a fine mandato. Per ora nessuno strappo interno. I componenti non leghisti della maggioranza, invece, attendono l’ufficializzazione dell’espulsione prima di prendere posizione. Sulla vicenda ha pesato la battaglia di Quaggiotto a favore del mega progetto Barcon. Una battaglia condotta in aperto contrasto con la segreteria del partito che si è pronunciata contro l’accordo di programma per la realizzazione di maxi macello e cartiera. Quaggiotto ha voluto portarlo fino in fondo, a costo di attirare su di sé il fuoco incrociato dei suoi stessi compagni di partito e di maggioranza. Antonio De Poli, deputato Udc, invita la Lega a staccare la spina al sindaco togliendogli l’appoggio nella maggioranza e mandandolo a casa.

Daniele Quarello

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui