Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Stavolta non sono i cittadini e le comunità a inveire contro le scelte del governo, bensì le alte sfere regionali di Palazzo Ferro-Fini.

La Orte-Mestre, nota come nuova Romea Commerciale, è un’infrastruttura che gli oligarchi regionali dell’asse d’asfalto Lega-PdL vogliono fortissimamente. Il Presidente Luca Zaia e l’Assessore Renato Chisso non si sono trattenuti e hanno sbottato arrivando quasi a minacciare il governo, con una risentita lettera a Ciaccia, qualora la situazione non venisse sbloccata rapidamente.

D’altra parte la “Romea commerciale” è un affare da 10 miliardi di euro che da sola vale quattro volte di più di tutti i progetti contenuti nel nuovo piano regionale delle opere pubbliche appena approvato e che vede la cantierizzazione di un turbinio di nuove strade e autostrade (Padana Inferiore, Nogara-Mare, collegamento A4-Jesolo, nuova Valsugana, tangenziali Verona-Vicenza-Padova, grande Raccordo Anulare di Padova e Camionabile…). Un’occasione più unica che rara per la collaudata “Cricca del cemento Veneta”.

Invece qualcuno al Governo si è reso conto che un Project Financing da 10 miliardi di euro con questi livelli di traffico e in tempi di crisi, semplicemente non sta in piedi, a meno di non provocare un “buco” nei bilanci pubblici dello Stato che avrà ripercussioni per molti anni a venire sulle tasche dei contribuenti italiani. Esattamente come per la TAV in Val di Susa.

E infatti le “difficoltà tecniche” di cui parla Chisso sono in realtà difficoltà economico-finanziarie, manca un piano economico-finanziario: il giochetto del project financing per opere di questa portata non funziona più da anni, nemmeno con il sistema dei Project Bond e della defiscalizzazione tanto voluta dal Ministro Corrado Passera e dal suo braccio destro Mario Ciaccia.

A fronte di un calo vertiginoso dei dati di traffico, si continuano a portare avanti progetti concepiti 15 anni fa, trascurando consapevolmente le infrastrutture esistenti che continueranno a rimanere insicure e degradate, come per l’attuale Romea. La Romea Commerciale è un’opera insostenibile sia dal punto di vista economico che ambientale.

Per Opzione Zero e per tutte le altre organizzazioni del coordinamento nazionale Rete Stop OR-ME, il rinvio del CIPE non costituisce certo una vittoria; le pressioni delle potenti lobby che stanno dietro a quest’opera potrebbero far precipitare la situazione da un momento all’altro. Si tratta però di una tregua importante per prepararsi ad una battaglia estremamente difficile.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui